Passa ai contenuti principali

Gadda borderline come Amleto

L’ingegner Gadda va alla guerra da un’idea di Fabrizio Gifuni è un testo che alterna vari scritti di Carlo Emilio Gadda con l’Amleto di William Shakespeare. In particolare, dell’autore milanese si tengono presenti come guida e filo conduttore della narrazione i suoi privati Diari di guerra e di prigionia nei quali descrive la logorante vita di trincea e l’avvilente prigionia in mano al nemico.

Il ritratto che, in tal modo, emerge è quello di un giovane Gadda costantemente ai limiti della follia, un borderline che ha seri e preoccupanti momenti di sconforto, alternati con altrettanti lucidi stati di raziocinio, durante i quali analizza nel dettaglio la pessima situazione in cui versano i soldati italiani al fronte.

Durante i momenti di “follia” Gadda sembra assomigliare ad Amleto: come il personaggio di Shakespeare vive sul confine tra pazzia e lucidità (e non si sa con quanta coscienza) e come lui ha una questione irrisolta con la madre. È proprio la parola “mamma” pronunciata dal giovane soldato che induce una sorta di transfer con il personaggio di Shakespeare.

Fabrizio Gifuni ha interpretato Gadda/Amleto utilizzando un tipo di recitazione spiccatamente fisica, motoria. Se all’inizio dello spettacolo tale recitazione può dare l’idea di essere un po’ troppo sopra le righe, nel corso della performance essa si fa apprezzare vieppiù, diventando, alla fine, assolutamente trascinante.

Uno spettacolo, quello impostato dal regista Giuseppe Bertolucci e dall’attore, dunque, che cresce e che, grazie proprio alla recitazione fisica, quasi “violenta”, riesce a “cavare” dal testo sferzanti e sarcastici riferimenti all’attualità italiana con più di un parallelo tra il Duce Benito Mussolini (descritto da Gadda in Eros e Priapo) e il Primo Ministro Silvio Berlusconi (che nello spettacolo non viene mai nominato), entrambi paragonati (mentalmente dal pubblico) a guitti dalle voglie priapesche: governanti che utilizzano la “foja teatrale e non il Logos politico”.

Al termine dello spettacolo si compone un testo, quindi, che da privato (il diario del soldato Gadda) si è fatto pubblico (l’invettiva antifascista dello scrittore Gadda): un percorso teatrale, dunque, che narra, anche, di come un intellettuale arriva a prendere posizione, di come si possa formare una coscienza; di come un ingegnere possa farsi scrittore.

Lunghi, calorosi e meritati applausi per Fabrizio Gifuni.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.