Passa ai contenuti principali

Egoisti in cerca di affetto


È un susseguirsi di scene brevi La malattia della famiglia M. di Fausto Paravidino (anche regista e interprete) nelle quali i personaggi sono impegnati in dialoghi pieni di significato che, al contempo, fanno progredire la vicenda verso la “catastrofe” e aiutano a delineare meglio il carattere del personaggio che li pronuncia.

Un testo, dunque, in cui il dialogo (veloce e non esente da battute ironiche, quasi aspre) è tutto, tanto che i luoghi in cui i personaggi si parlano sono definiti da una panchina (che funge anche da studio del medico) e dal tavolo dalla cucina di casa M., ovvero luoghi in cui si sta seduti e, appunto, si parla.

Non è un caso, quindi, che l’unica scena in cui l’azione ha il sopravvento (quella della scazzottata tra Fabrizio e Fulvio) sia, non solo raccontata in flashback, ma anche agita dagli attori al rallentatore (dunque in qualche modo visivamente isolata dal resto).
Resta il fatto che, anche in questa “scena d’azione”, ciò che emerge è il dialogato che, apparentemente, contrasta con l’agito: infatti, mentre Fulvio picchia Fabrizio, ci tiene verbalmente a rinnovargli la propria amicizia. Come dire che la scazzottata era “un atto obbligato”, in quanto Fabrizio ha tradito la fiducia di Fulvio corteggiandone la fidanzata, ma, al di là di quanto dovuto per pareggiare i conti, l’amicizia tra i due è solida e duratura.

I personaggi della pièce di Paravidino, dunque, parlano molto e sembrano chiedersi sempre la stessa cosa: ovvero chiedono agli altri se sono oggetto d’affetto. Un affetto che è cercato negli altri, ma forse mai dato agli altri. A parte, infatti, il personaggio della sorella maggiore che dimostra con atti concreti l’affetto (la pietas) che prova nei confronti dei suoi familiari (prendendosi cura del padre malato), gli altri personaggi sembrano incapaci di dare affetto, di agirlo, in quanto chiusi nel loro egoismo. E, forse, tale incapacità di agire l’affetto è proprio la causa del fatto che se ne parli costantemente.

Un’incapacità di uscire dall’egoismo che pare essere la malattia di cui soffrono gli appartenenti alla famiglia del titolo. Una malattia di cui è quasi l’incarnazione il padre; malato di una malattia mai dichiarata ma che lo porta a voler essere il centro dell’attenzione altrui.

Un bel testo, quello di Paravidino, che è supportato da un cast di bravi attori molto affiatati tra loro. Vale la pena ricordarne i nomi: Iris Fusetti (Marta) Jacopo-Maria Bicocchi (Fabrizio), Emanuela Galliussi (Maria), Nicola Pannelli (il padre), Fausto Paravidino (Gianni), Fausto Maria Sciarappa (il dottore) e Pio Stellaccio (Fulvio).

Applausi calorosi e meritati. Spettacolo da vedere.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.