Passa ai contenuti principali

Gli assassini hanno le spalle coperte


In Ologramma con gatto nero Dante G. Munafò finge un’Italia futura. Un’Italia governata in modo violento da coloro che sbandierano come valori e ideali “la famiglia, la chiesa, la patria e l’ordine” e negano, di fatto, la libertà a coloro che non la pensano come loro.
Un’Italia omofoba, quella immaginata da Munafò, che, purtroppo, è assai vicina all’Italia di oggi: l’Autore, infatti, nel costruire letterariamente il futuro dell’Italia non ha fatto altro che estremizzare (portare, ovvero, alle estreme conseguenze) quanto oggi alcuni (troppi) politici nostrani non si vergognano di sostenere.
Ecco, allora, che l’Italia diventa uno stato teocratico e, di fatto, si allontana dalle democrazie europee in quanto nega ai suoi cittadini diritti fondamentali, come la libertà di vivere serenamente la propria sessualità, senza, per questo, essere discriminati.
Nell’Italia futura di Munafò la discriminazione contro gli omosessuali si è fatta legge e così, ad esempio, gli omosessuali non possono insegnare o diventare tutori della legge.
Un’Italia, quella di Munafò, che turba il lettore, proprio perché pericolosamente simile all’Italia di oggi.
In tale Italia si muovono i protagonisti del romanzo, implicati in un omicidio di cui è vittima un ex poliziotto. Un vero aguzzino omofobo che viene trovato sgozzato nel letto di un noto omosessuale, il quale, ovviamente, viene sospettato dell’omicidio.

L’indagine avrà degli sviluppi imprevisti e i probabili colpevoli non saranno incriminati, in quanto, dove regna la violenza, gli assassini hanno le spalle coperte.
Il romanzo prosegue alternando capitoli scritti in prima persona dall’omosessuale indagato e quelli scritti in terza persona nei quali compaiono gli altri personaggi.
Va detto che i capitoli redatti in prima persona sono quelli meno riusciti: in essi vi si legge, a tratti, una certa fastidiosa retorica che sfiora la prosa ritmica e che è ben lontana dalla felice mimesi del dialogato presente nei capitoli scritti in terza persona. La forza, infatti, di Munafò sta proprio nei dialogati, figli dell’arte del conversare tipica dei siciliani.
Un libro, dunque, che si muove con due velocità, ma che, ad ogni modo, merita di essere letto.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.