Passa ai contenuti principali

Le campane zittiscono Gaber


Nei film di Don Camillo e Peppone quando quest’ultimo teneva un comizio di piazza, il primo suonava le campane fino allo sfinimento pur di disturbare il comunista e indurlo al silenzio.
Ieri sera, i tradizionali 100 colpi del Campanone (la Torre Civica) di Città Alta hanno indotto Maddalena Crippa, intenta a riproporre le parole di Gaber, a interrompere momentaneamente lo spettacolo perché, il suono delle campane, le impediva di “prendere la nota”.
Ovviamente chi ieri alle 22 ha battuto i 100 colpi non aveva alcuna intenzione di zittire Gaber, ma l’effetto raggiunto ha ricordato, in chi scrive, proprio Don Camillo e Peppone. Va detto, per amore di cronaca, che Maddalena Crippa ha risolto brillantemente l’interruzione e il pubblico ha partecipato divertito all’episodio.
Merito, probabilmente, del clima di partecipazione che il testo di Giorgio Gaber e Sandro Luporini e la bravura di Maddalena Crippa hanno saputo creare. Un clima di partecipazione che sempre, “magicamente”, si crea negli spettacoli di Gaber, anche quando il testo messo in scena dal Teatro Canzone parla proprio della mancanza di partecipazione, così come avviene in E pensare che c’era il pensiero.
Un testo a tratti profetico laddove parla della situazione politica italiana, una situazione eticamente e moralmente degradata...
Lo spettacolo firmato da Emanuela Giordano ha puntato sulla bravura attorale e canora di Maddalena Crippa e, si vorrebbe dire, ha “femminilizzato” il testo, affiancando all’interprete tre brave coriste. Una femminilizzazione interessante, ma non raggiunta pienamente, perché la Crippa indossa scarpacce da “maschiaccio” e, a volte, nell’intonazione della voce. nelle espressioni e nelle pose, ricorda troppo da vicino Gaber. Ma sono momenti che durano poco, fortunatamente, perché Gaber, se lo si vuole far diventare un classico, lo si deve seppellire definitivamente e si deve avere il coraggio di impossessarsi del suo Teatro Canzone e farlo proprio.
I momenti dello spettacolo più intensi sono stati il monologo Sogno in due tempi e la canzone Destra-Sinistra, due “pezzi” gaberiani per eccellenza che la Crippa ha saputo assai bene far suoi.
Belli gli arrangiamenti di Massimiliano Gagliardi (in scena al pianoforte). Brave, come detto, le coriste Chiara Calderale, Miriam Longo e Valeria Svizzeri.
Spettacolo emozionante da non mancare.
Lunghi e festosi applausi al calar del sipario.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.