Passa ai contenuti principali

Cigni cui è stato sparato nelle ali

Ieri sera al Teatro Donizetti di Bergamo è stata eseguita la messa funebre del Lago dei cigni di Pëtr Il'ič Čajkovskij per la coreografia scialba e convenzionale di Alexander Vorotnikov.
Una coreografia che ha portato la danza classica indietro di decenni, con una sconfortante diminuizione di ruolo dei danzatori di sesso maschile, ridotti, nei passi a due, alla funzione di porteur. Roba che non si vedeva più nei teatri dai tempi dello Zar di tutte le Russie!
Qui, ora, non si vuol negare ad alcuno il diritto di guardare alla tradizione del balletto classico, ma non si può tacere il fatto che rifarsi alla tradizione senza tenere ben presente l’evoluzione di un’arte significa uccidere l’arte stessa. In altre parole, chi pensa che si possa ancora eseguire un balletto classico con gli stessi movimenti e le stesse coreografie dell’Ottocento non ha bene in mente il fatto che il balletto classico è un’arte e non una masserizia da rigattiere. E l’arte è soprattutto interpretazione e non stanca esecuzione.
Vorotnikov, ieri, invece di interpretare con originalità artistica un capolavoro mondiale della danza, ha celebrato una mesta e mediocre messa funebre, fatta eseguire dal Balletto di Mosca - Teatro La Classique, corpo di ballo numeroso quanto mediocre. Nessun colpo d’ala, ma mesto esercizio. Anzi, dato che la maggior parte dei danzatori sembrava facesse fatica a librarsi sul palcoscenico, verrebbe da dire che a tali cigni qualcuno abbia sparato nelle ali!
Buona la direzione dell’orchestra del Maestro Kostantin Khvatynets.
Al calar del sipario, forse complice il clima natalizio, il pubblico presente in sala si è dimostrato ampiamente magnanimo tributando agli esecutori un lungo e caloroso applauso.

Commenti

  1. Una vocina cattivella in platea ha osato anche un "più che cigni, ippopotami" :D

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.