Passa ai contenuti principali

Senza infamia e senza lode

A volte il gusto antiquario della riscoperta/riesumazione di opere liriche pressoché dimenticate non produce gli effetti sperati: la valorizzazione presso il pubblico di dette opere. Ciò può darsi per una serie di ragioni, come, ad esempio, la sordità degli spettatori; oppure una cattiva realizzazione scenica; o anche perché le opere riesumate non valgono lo sforzo. È il caso delle due operine presentate ieri al Teatro Donizetti di Bergamo nell'ambito del Bergamo Musica Festival: ossia Amor ingegnoso di Simone Mayr e Il campanello di Gaetano Donizetti. Due operine che torneranno presto nei bauli di qualche direttore d'orchestra e di qualche irriducibile studioso e/o appassionato. L'oblio che il destino ha riservato a tali opere, infatti, sembra davvero meritato. Non che la loro melodia sia sgradevole, ma davvero esse lasciano il tempo che trovano: come dire che si tratta di opere senza infamia e senza lode.

A tentare l'operazione di rivalutazione delle due opere il Maestro PierAngelo Pelucchi (assai apprezzato dal pubblico) e il regista Enrico Beruschi, dal quale, forse, ci si sarebbe aspettati che avesse schiacciato il piede sul pedale dell'acceleratore comico, pur di dare un po' di linfa in più alle due opere. Ma, forse, là dove non c'è l'arrosto, il fumo, anche se speziato, non può ingannare a lungo.

Vero è che se le due opere fossero state eseguite da cantanti del calibro di una Callas, molto probabilmente ci si sarebbe dimenticati della pochezza dello spartito e si sarebbe rimasti affascinati dalla bellezza dell'interpretazione. Così non è stato: il cast canoro era dignitoso, ma non brillante e di loro si nomineranno solo Filippo Morace (Osmarino nell'Amor ingegnoso e Don Annibale nel Campanello), Gabriella Locatelli Serio (Fiammetta nell'opera di Mayr) e Maurizio Magnini (Enrico nell'opera di Donizetti) le cui esecuzioni sono state apprezzate dal pubblico che, invece, ha dissentito (giustamente) per la cattiva esecuzione canora offerta da Livio Scarpellini (Orosmondo nella prima opera).
Belli i costumi di Angelo Sala.
La serata non vale il costo del biglietto.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.