Passa ai contenuti principali

La vita continua

La nostra vita di Daniele Luchetti sembra un film piuttosto crudo in quanto mostra come i “buoni sentimenti” possano essere, da soli, strumenti inadeguati ad affrontare la realtà. Vero è che l’affetto familiare e l’amore, nella storia firmata da Luchetti, alla lunga si rivelano fondamentali per giungere al lieto fine. Infatti, il protagonista comprende come per riempire il vuoto creatosi dalla morte prematura della moglie non servono i soldi (che, comunque, non è riuscito a fare), ma l’amore.
Una storia, dunque, quella di Luchetti, nella quale si parla molto di sentimenti come l’affetto, l’amore e l’amicizia, pur non parlandone direttamente: infatti tutta la vicenda - ambientata in una Roma suburbana e degradata, lontanissima dalle bellezze del centro e vicina alla Roma pasoliniana – sembra incentrata sulla sete di denaro e successo del protagonista che, sperando di diventare ricco, crede poter rimpiazzare l’amore che sua moglie riversava su di lui e sui loro figli con il denaro. Ma perché la vita continui davvero, i soldi non bastano…
Ad ogni modo, al di là del racconto portato sullo schermo dal regista, la ragione prima per la quale La nostra vita è un film da non mancare è la strepitosa interpretazione di Elio Germano.
Luchetti si affida a Germano per trasmettere al pubblico tutto ciò che verbalmente non viene espresso. All’attore, ripreso il più delle volte in primo piano, alla sua faccia espressiva e incisiva, il compito di raccontare il dolore, la disperazione, la voglia di rivalsa, la sconfitta, la ripresa. Gli occhi di Germano, di volta in volta, si inumidiscono, si incupiscono, induriscono, stupiscono e, addirittura, sembrano scolorire.
L’interpretazione di Germano raggiunge picchi memorabili nelle sequenze dell’annuncio della morte della moglie e nel susseguente rito funebre. Un’interpretazione che, giustamente, è valsa all’attore la vittoria a Cannes come migliore interprete e che lo pone tra gli attori cinematografici più bravi del mondo.
Il film, in definitiva, pur annoverando tra i comprimari attori del calibro di Luca Zingaretti e Raoul Bova, si chiama Elio Germano.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.