Passa ai contenuti principali

Holmes e Watson coppia di fatto

Sherlock Holmes di Guy Ritchie è un bel film, nel quale le indagini “mentali” tipiche del personaggio creato da sir Arthur Conan Doyle si uniscono all’azione da Mission Impossible. Holmes, infatti, smette i panni del riflessivo (e pacato) investigatore (pur mantenendone l’arguzia e la perspicacia), per indossare quelli del dinamico agente dei servizi segreti impersonato da Tom Cruise (si veda la scena in cui si tuffa nel Tamigi direttamente da una finestra del Parlamento).
Similmente anche l’amico Watson si evolve e perde in stoltezza per guadagnare in classe e combattività.
L’indagine in cui il regista immerge i due personaggi ha tutte le qualità per accattivare il pubblico, in quanto protagonista ne è l’occulto e chi crede di dominarlo. Holmes, il razionale Holmes, viene, in tal modo, costretto a fare i conti con il mistero e l’irrazionale.
Ma, dato il carattere del film, che è, appunto, un giallo, si evita di addentrarsi nella trama, per puntare l’attenzione sui personaggi così come sono stati pensati dal regista e impersonati dai due interpreti: i bravi Robert Downey Jr. (nel ruolo del titolo) e Jude Law (in quello del sodale).
I loro Holmes e Watson sono due machi dinamici, pronti alla lotta non solo contro i criminali, ma anche nel ring alla Fight Club. Eppure qualcosa nella loro relazione va oltre la semplice convivenza amicale sotto lo stesso tetto cui il pubblico dei lettori e degli spettatori è abituato. Nel film di Ritchie i due amici litigano e lo fanno perché, con tutta evidenza, Holmes è geloso. Geloso del fatto che una donna sta per legare a sé indissolubilmente il suo Watson. L’amico di sempre con cui si scambia gli abiti, che lo sopporta nonostante sia disordinato e (a volte) non del tutto pulito, con il quale cresce il cane di casa (“il nostro cane” come lo definiscono). Un amico con il quale fa coppia fissa. Una relazione che, così come è tratteggiata nel film, non ci si stupirebbe se fosse apertamente e scopertamente definita omoaffettiva. Un’ipotesi che non disturba chi guarda, ma che, anzi, rende in qualche modo più umani e moderni i due protagonisti del film.
E, a proposito di modernità, si dirà solo che Ritchie e gli sceneggiatori del film hanno preso paro paro le paure tipiche dell’era moderna e le hanno “tradotte” nell’Ottocento inglese in cui il film è, ovviamente, ambientato. Paure alimentate dalla tecnologia cui – anche scenograficamente (una Londra “tecno-barocca”) – continuamente si rimanda.
Un film divertente, ben fatto e ben recitato, non privo di giusta ironia.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.