Passa ai contenuti principali

Angeli della Morte

Angels in America. Si avvicina il millennio di Tony Kushner per la regia di Ferdinando Bruni ed Elio De Capitani è uno spettacolo “pieno” sia visivamente, sia drammaturgicamente parlando. Il merito, oltre che dell’autore del testo, va dato sia ai registi, sia agli attori impegnati in scena.
Uno spettacolo in cui la scenografia è fatta con pochi e simbolici oggetti, arricchiti da videoproiezioni di immagini sia realistiche, sia astratte, così come possono essere realistiche od oniriche le scene che in quel momento vengono recitate.
Lo spettacolo mostra un’America anni Ottanta in cui l’AIDS sta mietendo le sue vittime. Al centro delle vicende narrate, la comunità omosessuale, composta sia da gay dichiarati, sia da “velate” e sia da chi ha avuto solo la forza di dire a se stesso di provare attrazione per individui del proprio stesso sesso, ma non ha mai avuto il coraggio di praticare sesso omosessuale.
Un’America reganiana in cui il Potere è il nuovo Dio, in cui la Legge o la fai o ne diventi schiavo, un’America, quindi, in cui chi detiene il Potere si sente al disopra delle regole. Un’America troppo simile all’Italia di oggi.
Uno spettacolo, Angels in America, che, oltre che dell’AIDS, parla proprio del Potere, di come esso consumi chi lo detiene (al pari della malattia) e di come coloro che hanno Potere tendano a consumare gli altri uomini, a cibarsene (metaforicamente parlando).
Uno spettacolo che coinvolge gli spettatori anche e soprattutto per la bravura dei suoi interpreti, tutti credibilissimi nei multipli ruoli in cui sono impegnati. Tra essi vanno nominati Elio De Capitani (soprattutto per il suo Roy logorato dal Potere e dalla malattia, ma che non smette di sentirsi onnipotente neppure di fronte alla Morte), Umberto Petranca (un Louis terrorizzato dalla malattia del compagno e in preda ai rimorsi di coscienza), Edoardo Ribatto (per Prior, il compagno di Louis, che tenta di affrontare la malattia con ironia e che, terrorizzato, entra in relazione con presenze ultraterrene), Fabrizio Matteini (per l’eccentrico Belize e per l’esuberante Mr Bugia) e Ida Marinelli (per i suoi uomini che il Potere ha reso macchiette).

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.