Passa ai contenuti principali

Mine vaganti

Mine vaganti di Ferzan Ozpetek è un capolavoro.
Il film, sceneggiato dal regista stesso e dallo scrittore Ivan Cotroneo, racconta di come, in Italia, il condizionamento sociale e la paura di ciò che la gente può dire possono far vivere davvero male. Tutti i personaggi appartenenti al nucleo familiare dei Cantone, infatti, per una ragione o per l’altra, non vivono appieno la loro vita.
Una famiglia, quella dei pastai Cantone, composta da una nonna che ha sposato un uomo che non amava e ha vissuto nel ricordo di colui cui aveva dato il cuore; da Luciana, la zia zitella, che affoga nell’alcool la sua solitudine e la nostalgia di un’altra vita solo assaporata durante una fuga a Londra; dalla madre Stefania che vive nell’incubo delle convenzioni borghesi; dal padre Vincenzo soggiogato dagli stereotipi da maschio del sud e dai figli Elena (cui si impone un destino da casalinga), Antonio e Tommaso che reprimono la loro vera natura sessuale per non dare un dispiacere alla famiglia.
Una famiglia come ce ne sono tante e che potrebbe continuare la vita immersa nella finzione se non fosse che i due figli maschi decidono di spezzare la catene dei condizionamenti sociali e vivere la loro vita.
I primi avversari da sconfiggere per poter essere quelli che si è sono proprio coloro che più si ama e che meno si vorrebbe fare soffrire: i genitori e i familiari. E così, se Antonio sembra determinato a impossessarsi del proprio destino e vivere la sua vita senza dover rendere conto ad alcuno, Tommaso sembra, invece, adeguarsi alle aspettative familiari per non dare un dispiacere in più che potrebbe essere fatale. Al loro fianco, alleata determinata e discreta, la nonna (la mina vagante del titolo) che, memore del proprio amore impossibile, invita a non farsi dire dagli altri chi amare od odiare e a sbagliare per conto proprio. Una grande lezione di vita che porterà a un lieto fine sui generis.
Un film in cui sapiente è la miscela tra il dolce e l’amaro, tra la comicità e la commozione, tra la storia corale e quella personale, tra gli interni borghesi in cui bisogna rispettare i cliché e gli esterni da natura selvaggia in cui poter dar sfogo alle proprie pulsioni.
Un film impreziosito da un cast di attori valentissimi: gli strepitosi Riccardo Scamarcio (Tommaso) e Ilaria Occhini (la nonna); i bravissimi Ennio Fantastichini (il padre Vincenzo), Lunetta Savino (la madre Stefania) ed Elena Sofia Ricci (la zia Luciana), i bravi Alessandro Preziosi (Antonio) e Nicole Grimaudo (l’amica Alba).

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.