Passa ai contenuti principali

Magistrale DiCaprio

Shutter Island di Martin Scorsese è un gran bel film.
Tratto dal libro omonimo di Dennis Lehane, il regista e gli sceneggiatori (Laeta Kalogridis e Steven Knight) hanno rispettato la trama narrata nel romanzo, tralasciando alcuni episodi secondari (ad esempio tutti quelli relativi all’infanzia del protagonista), per rendere il film più serrato e tutto ambientato nell’isola trasformata in manicomio criminale.

Un manicomio degli Anni Cinquanta che si rivela avere due facce: quella pulita e all’avanguardia dei padiglioni A e B (divisi per sesso, nei quali i pazienti sono invogliati a partecipare a terapie di gruppo e ai quali si arriva anche ad assegnare dei lavori, come la manutenzione del giardino) e quella asfittica e sporca del padiglione C (nel quale sono segregati i soggetti più violenti che, in preda alla follia, scrivono sui muri con il proprio sangue o vegetano nella propria cella sporchi e nudi).
Una duplicità di trattamento che rimanda a diverse ipotesi mediche con le quali si può affrontare le malattie mentali nel tentativo di curarle. Differenze terapeutiche che si incarnano nei due medici responsabili della struttura: quello che sembra essere più attento alle esigenze dei pazienti e quello più inquietante che sembra vedere nei pazienti delle cavie per i propri studi sulla violenze (rispettivamente interpretati dai bravi Ben Kingsley e Max von Sydow).

Tra i meandri del manicomio criminale si aggira l’agente federale Teddy Daniels che, accompagnato dal suo nuovo collega Chuck Aule (il convincente Mark Ruffalo), è stato chiamato sull’isola per investigare sulla misteriosa sparizione di una paziente.
Nel ruolo di Teddy c’è un magistrale Leonardo DiCaprio sempre in bilico tra razionalità investigativa e violenza combattiva, tra sanità e follia. L’attore riesce a rendere sullo schermo, senza una sbavatura, il dissidio che sta logorando dall’interno il suo complesso personaggio con i suoi molteplici stati d’animo e le sue differenti reazioni che vanno dal rifiuto aprioristico della cura per i pazzi rei di omicidio, alla commozione provata al contatto con una paziente infanticida; dalla spavalderia dell’agente federale, allo smarrimento dell’uomo qualunque che si affaccia sul baratro della pazzia.
Un’interpretazione che pone DiCaprio tra gli attori viventi più grandi.
Un film da non mancare.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.