Passa ai contenuti principali

Una Figlia perfetta

Ieri sera al Teatro Donizetti di Bergamo è andata in scena la Figlia del reggimento di Gaetano Donizetti diretta dal Maestro Alessandro D’Agostini, per la regia, le scene e i costumi di Andrea Cigni. Si è trattato di uno spettacolo davvero bello, in certo qual modo, perfetto.
La direzione orchestrale è stata trascinante e senza una sbavatura.
La regia ha puntato a un’ironia lieve e gioconda che ha convinto gli spettatori bergamaschi, nonostante non fosse accondiscendente verso un tipo di comicità televisiva. Ha, infatti, creato un raffinato mix di realismo dei gesti quotidiani con effetti assolutamente stranianti. Per portare un esempio, nel secondo tempo dello spettacolo, la scena viene “invasa” da un enorme orsacchiotto di peluche che simboleggia la stanza dei bambini, ma anche – per contrasto – l’incombere su Maria di una situazione (quella della nuova vita nella casa della zia/madre) che non le è congeniale. Non è un caso, forse, che, nel momento in cui il reggimento si ricongiunge con Maria, l’orsacchiotto, privato degli arti e posto a faccia in giù (ovvero negato nella sua funzione di gioco), viene calcato a mo’ di palcoscenico da Maria prima e dalla ricostituita coppia Maria/Tonio poi, a significare la ritrovata sintonia con la propria natura.
Una natura, quella della figlia del reggimento, assai distante dalle convenzioni di una polverosa aristocrazia cui la si vorrebbe vincolare per mezzo di un improbabile matrimonio. Maria, infatti, è un soldataccio e come tale si presenta in scena nel primo tempo, con tanto di sidecar e di pantaloni da lavoro.
A impersonare Maria c’era la assai brava Yolanda Auyanet che ha convinto sia come cantante, sia come attrice comica.
Nel ruolo di Tonio uno strepitoso Gianluca Terranova che – nella celebre area dei do di petto – è stato talmente bravo che il pubblico ha chiesto a gran voce il bis. Richiesta soddisfatta dal tenore.
Assolutamente all’altezza tutto il cast e bravo il coro.
Al calar del sipario, il pubblico ha salutato gli interpreti con un lungo e caloroso applauso.
Spettacolo da non mancare.

Commenti

  1. Yes, Gianluca Terranova is the perfect Tonio and also Perfect Duke of Rigoletto and Edgardo in Lucia di Lammermoor as well as the perfecte Alfredo in La Traviata! What Terranova sing, it is alwas just great, unbilievable, just fantastic! This Tenor is a juwel from Himmel! Do hope to hear him much more and so oft as it is just possible! It is a delight to hear and see him on the stage! He has not only a fantastic voice but also a great stage presence

    RispondiElimina
  2. @Zsazsa: thanks for your comment.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.