Passa ai contenuti principali

Bruno

L’attore inglese Sacha Baron Cohen, dopo il successo planetario ottenuto con Borat, torna al cinema con Bruno, un altro dei suoi noti personaggi, ovvero il “giornalista” di moda autore della rubrica Funkyzeit mit Brüno.
Obiettivo di Bruno è raggiungere la fama e, per tagliare il traguardo sperato, Bruno tenta varie strade: prima conduttore di uno show sui personaggi celebri di Hollywood, poi attore, non trascurando di diventare testimonial di cause sociali e operatore di pace. Capisce, però, Bruno, che per diventare davvero famoso, deve smettere di essere gay e diventare eterosessuale (perché tutte le star del cinema lo sono). Intraprende, quindi, la strada che dovrebbe condurlo a uno stile di vita e a preferenze sessuali da eterosessuale: dialoghi con “guaritori”, battute di caccia, arruolamento nell’esercito…
Un ovvio intento satirico nei confronti degli stereotipi raggiunto con un procedimento che ha del geniale: Cohen, infatti, esaspera i pregiudizi che gli eterosessuali hanno nei confronti degli omosessuali e con essi costruisce un personaggio che potrebbe essere definito uno “strafinocchio”, ossia il gay più checca che si possa immaginare. Ebbene, Cohen fa interagire questo suo personaggio con gruppi di eterosessuali per mostrare al pubblico le reazioni ridicole che tali persone hanno di fronte alla diversità frivola, plateale ed esibita dal suo Bruno. Le situazioni in cui Cohen “caccia” il suo Bruno sono al limite dell’assurdo, ma le persone che in quel momento interagiscono con Bruno sembrano non cogliere la parodistica messinscena e la vivono come un reale momento di gay life, cascando in pieno nel tranello orchestrato da Cohen. Non è un caso che Bruno non interagisca mai con gruppi di omosessuali, ma sempre e solo con eterosessuali: i gay, infatti, saprebbero immediatamente “leggere” la messinscena con conseguenti reazioni diverse (dall’indignato al divertito, passando per il gioco complice), assai distanti da quelle mostrate nel film (quasi sempre violente).
Inutile aggiungere come Cohen sia un attore bravissimo, oltre che assai coraggioso: in più di un’occasione, infatti, il suo zuper (per dirla alla Bruno) finocchio si trova a dover gestire situazioni potenzialmente pericolose.
Un film divertente che vale una serata al cinema. 

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.