Passa ai contenuti principali

Una Madre Coraggio rap

Madre Coraggio di Bertolt Brecht per la regia di Cristina Pezzoli e l'interpretazione di Isa Danieli è davvero un bellissimo spettacolo.
La regia punta sugli attori e sui meccanismi metateatrali. Per quanto riguarda questi ultimi, la scena unica di Bruno Buonincontri pare determinante: un palcoscenico fortemente, “pericolosamente” inclinato che, all'occorrenza, si solleva (a mo' di ponte levatoio) e diventa sipario. Ai lati del palcoscenico, a vista, le macchine sceniche. Al centro del palco il carro di Madre Coraggio. Sul fondo, un sipario/fondale rattoppato. Nessun altro elemento che possa aiutare il pubblico a determinare il luogo in cui l'azione di svolge: in fondo, pare dire la regista, ogni luogo, in tempo di guerra, è uguale a un altro, fatto com'è di macerie e di nulla.
Agli elementi metateatrali, usati in funzione straniante, si affiancano le musiche di Pasquale Scialò: canzoni assolutamente contemporanee, con tanto di rap, che non solo narrano parti della vicenda, ma, in una in particolare, rimandano alla contemporaneità italiana.
Da notare, anche, l'uso dei dialetti italiani, non con intento folkloristico, ma universalistico: la guerra è una faccenda sporca e dolorosa ovunque e per chiunque.
A dar vita alla vicenda di Madre Coraggio un gruppo di attori molto affiatato capitanati dalla bravissima Isa Danieli, una Madre Coraggio determinata a portare a casa sia la vita dei propri figli (cui non smette di elargire consigli – inascoltati – su come fare a scampare alla morte), sia sufficienti denari per potersi sottrarre alla miseria e dare una dote alla figlia muta. Accanto a Isa Danieli i bravi Alarico Salaroli (il cappellano),  Marco Zannoni (il cuoco), Matteo Cremon (il figlio aitante e combattivo), Yang Shi (l'altro figlio maschio di Madre Coraggio) e tutti gli altri interpreti.
Toccante l'ultima sequenza, quella dell'uccisione di Kattrin (l'espressiva Xenia Bevitori): scesa in platea per suonare il tamburo/allarme in modo da avvisare gli abitanti della città, ella viene uccisa e cade morta nella platea stessa. La Madre, in piedi sul proscenio, chiede agli spettatori di portarle la figlia in modo da poterle cantare un'ultima ninna nanna. Alcuni spettatori pietosi, si sono alzati, hanno sollevato l'attrice e l'hanno sistemata davanti alla Madre.
Spettacolo da vedere.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.