Passa ai contenuti principali

La vocazione del viaggiatore settecentesco

More about Cronache da Siviglia

Federico Di Vita ha la vocazione del viaggiatore settecentesco e dovrebbe seguirla. Lui stesso sembra esserne consapevole al punto che a pagina 126 del suo Cronache da Siviglia, edito da Round Robin, scrive: “Come un gatto preferisco i posti, e l'unica cosa che so fare è scoprirli, girarci dentro. Le persone come le storie si ripetono, e certo che si danno pur delle eccezioni, però mi piacciono di più le descrizioni, così infinite e pure”. Una predilezione che il lettore accorto avverte: Di Vita ama parlare minuziosamente di Siviglia, dei suoi palazzi, dei suoi giardini, delle piante, dei locali... Lo fa con passione, con (in)consapevole poesia: le sue descrizioni hanno poco della cartolina turistica e molto “della vista del cuore”. Si sente che Siviglia è una città che ama ed è capace di farla amare anche al lettore che, magari, a Siviglia non è mai stato. Nel descriverne le bellezze usa una lingua controllata, fluente.
Non alla stessa altezza il resto del libro: ossia le parti narrative nelle quali riferisce della sua (forse solo sua) storia d'amore con (per) Viola (già impegnata in Italia con un ragazzo che non intende tradire) e quelle dove racconta delle serate con gli amici o delle partite di calcio. In tali brani, lo si dice con dispiacere, passa dal banale al noioso e lo fa, cosa assai trista, usando un mistilinguismo a tratti sciatto e un po' cialtrone. Un peccato per un giovane autore che potrebbe – lo volesse – fare a meno del risaputo e standardizzato giovanilismo da telefilm di Italia1.
 
Cronache da Siviglia, corredato da belle fotografie e sfoltito delle parti di cui si è detto, sarebbe proprio un ottimo libro di viaggio.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.