Passa ai contenuti principali

Un Pilota con le idee chiare

La mitica serie TV X-Files apre con un ottimo episodio “pilota” (nella versione italiana titolato Al di là del tempo e dello spazio: episodio pilota) che entra subito nel vivo e, oltre a presentare i personaggi protagonisti, introduce immediatamente quello che per molti è il filone principale della serie: la presenza aliena sulla Terra.
I due protagonisti vengono presentati agli spettatori con un classico stratagemma: uno dei due (Dana Scully, interpretata da Gillian Anderson), durante un colloquio con i suoi superiori dell'FBI, viene invitata a esplicitare i motivi che, da medico, l'hanno spinta ad arruolarsi nell'FBI e a riferire quanto sa (per sentito dire) del collega Fox Mulder (David Duchovny). Durante la medesima audizione, l'agente Scully viene sollecitata dai superiori a redigere dettagliati rapporti sulle strane indagini condotte dall'agente Mulder di cui diventa collega.


Nel frattempo, però, nell'Oregon si sono verificati degli strani episodi che inducono Fox a ritenere di essere in presenza di fenomeni di rapimento alieno. I due agenti partono per la missione che avrà caratteristiche che diventeranno, negli episodi successivi, delle costanti: tentativi di insabbiamento; sparizioni di prove; reticenze dei testimoni; presenza di fenomeni inspiegabili; azioni compiute da Fox la cui congruenza con quanto si è verificato viene spiegata solo più oltre nell'episodio (vedi la X tracciata sull'asfalto); la capacità di Fox di ironizzare e dimostrare sangue freddo anche di fronte all'imprevisto.

Da notare:
- Non c'è la celebre sigla della serie.
- L'episodio si apre con la dichiarazione che quanto narrato si ispira a fatti reali e documentati.
- Da subito è presente l'Uomo che fuma. Non appare, invece, il vice-direttore Skinner.
- Durante l'episodio c'è un abbraccio tra Dana e Fox: lei si rifugia nelle braccia di lui per chiedere conforto.
- Fox racconta a Dana del rapimento alieno di sua sorella avvenuto quando lui aveva 12 anni e la sorella 8. La sorella non è più tornata.

La frase:
Fox rivolgendosi a Dana: “Visto che la scienza non riesce a darci delle risposte, perché non consideriamo finalmente plausibile quello che sembra fantastico?”

Titolo originale: The X-Files: Pilot.
Stagione: 1.
Scritto da Chris Carter.
Diretto da Robert Mandel.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.