Il coraggio di esserci

Green Book di Peter Farrelly con Viggo Mortensen e Mahershala Ali è un gran bel film che parla di razzismo, stereotipi, diritti civili e amicizia.
La pellicola racconta i due mesi di tournée nel profondo Sud degli Stati Uniti degli anni Sessanta del pianista e compositore Don Shirley che, temendo di subire ritorsioni da parte dei razzisti del luogo (essendo lui un uomo di colore), ingaggiò come autista (facente funzione di guardaspalle) l’italo-americano Frank Vallelonga (padre di uno degli sceneggiatori del film).
Durante il viaggio tra uno Stato e l’altro del profondo Sud degli U.S.A. i due uomini - benissimo interpretati da Mortensen (nel ruolo dell’italo-americano) e Ali (in quello del pianista) - imparano a conoscersi e tra loro nasce un’amicizia sincera in grado di durare negli anni.
Raccontando la loro storia, il film, tra le altre cose, mostra allo spettatore in modo plastico la differenza che passa tra lo stereotipo e il razzismo. Il primo è un’opinione frutto di pregiudizio che,…

Incontro raffinato del fumetto con il teatro

All'interno dell'Epicentro Fest è stato ripresentato agli spettatori lo spettacolo per adulti e bambini ManoLibera Fumetti a teatro di e con Michele Cremaschi, Michele Eynard e Anna Fascendini, per la regia di Michele Eynard. Si tratta di uno spettacolo raffinato in cui il mondo del Fumetto incontra quello del Teatro. Le modalità dell'incontro sono relativamente semplici: per mezzo di una lavagna luminosa, dei disegni interagiscono con i corpi dei due attori che recitano su una pedana rialzata, avendo per fondale uno schermo bianco. Il risultato ricorda, in qualche modo, il cinema dei pionieri con “effetti speciali” molto artigianali... Il tratto di Eynard (che disegna “in diretta” sui lucidi) ricorda (o forse allude) La Linea di Osvaldo Cavandoli (probabilmente proprio perché i disegni vengono realizzati sotto gli occhi degli spettatori) e, al medesimo tempo, il Signor Rossi di Bruno Bozzetto (soprattutto per l'ironia della storia e per il fatto che i due protagonisti si trovano, loro malgrado, a vivere avventure al limite).
I due attori in scena usano (assai bene) soprattutto il loro corpo (parlando pochissimo un francese molto maccheronico) e si adattano egregiamente ai disegni che vengono creati intorno a loro e a loro misura. Disegni che non mancano di passare dalla bidimensionalità del tratto alla tridemensionalità dell'oggetto.
Uno spettacolo che da anni sta riscuotendo meritati successi e che vale la pena non lasciarsi sfuggire.

Commenti