Passa ai contenuti principali

Un Sior Todero esangue e lugubre

Assiso su una poltrona/trono Sior Todero detta legge ai suoi familiari e ai servitori. Da vecchio despota rancoroso, bilioso e avaro, Sior Todero pensa solo a se stesso, ai suoi interessi, credendosi immortale. Ognuna delle persone che gli sta attorno deve portargli un interesse e deve servirlo senza lamentarsi, possibilmente non chiedendo alcunché in cambio. Tutto e tutti devono poter essere spremuti fino all'ultima goccia di sangue e, vedendo la versione del Sior Todero brontolon di Carlo Goldoni firmata da Giuseppe Emiliani, potrebbe venire il sospetto che Sior Todero si nutra di sangue, sorta di Dracula ante litteram. Ma, ovviamente, Sior Todero non si nutre di sangue, in quanto è pur sempre un personaggio goldoniano: cattivo non potrà mai essere fino in fondo, né invincibile e neppure immortale. Anzi, prima o poi, il vecchio morirà e gli altri potranno, finalmente, respirare (è una battuta pronunciata dal figlio). Per ora, però, il vecchio fa il buono e il cattivo tempo o, almeno, è convinto di poter fare: contro di lui, se nulla possono gli uomini della commedia (che, come spesso in Goldoni, son privi di polso), si muovono le due donne di una certa età della pièce che riescono ad averla vinta...
La regia di Emiliani dell'opera goldoniana ha insistito sui toni lugubri e su tempi rallentati: nessuna concessione al Settecento di maniera, ma sobrietà "seicentesca" nei mobili (una sedia/trono, due cassapanche lignee e una scrivania) e nei costumi (a eccezion fatta per quello di Meneghetto: un rosso  vivo che richiama la vita, il sangue che pulsa). Tutto è ingrigito, in qualche modo, invecchiato. Vecchio, vecchissimo il Sior Todero di Giulio Bosetti e vecchio il servitore Gregorio (Franco Santelli).
Giulio Bosetti ha vestito i panni del vecchio in modo egregio. Pallido, incerto nei movimenti ed esangue, voce roca; piglio da dittatore abituato a regnare dalla sua camera/plancia-di-comando. A dargli filo da torcere le due donne di cui si è detto, molto bene interpretate da Marina Bonfigli (Fortunata) e da Nora Fuser (Marcolina). Assolutamente all'altezza tutti gli altri interpreti.
Bella e inquietante la scena di Nicola Rubertelli: dominata dai colori grigi, ha creato un ambiente poco veneziano e molto vicino a una casa/prigione. Una casa dove guardarsi perennemente le spalle.
Applausi al calar del sipario.

Commenti

Posta un commento

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.