Passa ai contenuti principali

La violenza insensata contro gli omosessuali


Questa sera si è svolta a Bergamo, in uno stracolmo Auditorium di Piazza della Libertà, l'anteprima nazionale del documentario Homo Fobicus. La città lombarda non è stata scelta a caso: è proprio da tale città - e più propriamente dal Consiglio Comunale - che il documentario prende le mosse. Infatti, durante la seduta del Consiglio Comunale nella quale si era posto all'ordine del giorno l'apertura di un Registro delle coppie di fatto, un consigliere di maggioranza si era espresso con frasi tanto omofobe da indurre un gruppo di ragazzi (riunitosi sotto il nome di Cinefreak) a fare una serie di interviste per le vie del centro cittadino chiedendo ai passanti cosa ne pensassero dell'omosessualità, del matrimonio gay e dell'adozione di bambini da parte di omosessuali...

Il video (della durata complessiva di 31 minuti) presenta al pubblico in carrellata le risposte raccolte in città, dando voce, nella prima parte, a quelle di stampo omofobe, per poi lasciare il microfono ad alcuni militanti gay intervistati a Brescia e - sui titoli di coda - ai passanti di ampie vedute che nulla temono dai comportamenti e dalle persone omosessuali.

Non è una visione indolore quella di Homo Fobicus: dichiarazioni come "gli omosessuali fanno schifo" colpiscono per la loro insensata violenza. Colpiscono e feriscono così come sottolineato, durante il dibattito che è seguito alla prima proiezione, da una militante lesbica.

Insulti detti dagli intervistati a cuor leggero, nella convinzione che gli omosessuali non possano fare altro che riceverli e stare zitti... Nella convinzione che l'orgoglio gay, in Italia (e non solo a Bergamo), non abbia alcuna speranza di imporsi e di vincere la battaglia per l'approvazione di leggi che diano uguali diritti a tutte le persone, indipendentemente dalla loro appartenenza o meno a una minoranza.

Homo Fobicus, interviste di Alessandro Esposito. Regia di Francesco Chiodelli.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.