Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2008

Bello è affrontar la morte gridando libertà

I puritani di Vincenzo Bellini non è un capolavoro. Opera non semplice vocalmente, non ha arie memorabili a esclusione del duetto che impegna i personaggi di Riccardo e Giorgio nel Secondo Atto: il celebre "Suoni la tromba". Oggi, durante l'esibizione diretta dal Maestro Marcello Rota eseguita al Teatro Donizetti di Bergamo il duetto è stato interpretato magnificamente dai baritoni Roberto Accurso (Riccardo) ed Enrico Giuseppe Iori (Giorgio). La loro è stata un'esibizione convincente e potente e il celebre verso "Bello è affrontar la morte / gridando libertà" è risuonato limpido e spavaldo in platea. Il pubblico ha dato segni di apprezzare l'esecuzione tributando applausi calorosi all'indirizzo dei due cantanti.
Non tutto il cast è stato all'altezza dei due baritoni. L'esibizione del tenore Giorgio Casciarri (Arturo) ha scontentato più di uno spettatore specie nel Primo Atto. Al suo indirizzo è partito dal loggione un "A casa" che h…

La violenza insensata contro gli omosessuali

Questa sera si è svolta a Bergamo, in uno stracolmo Auditorium di Piazza della Libertà, l'anteprima nazionale del documentario Homo Fobicus. La città lombarda non è stata scelta a caso: è proprio da tale città - e più propriamente dal Consiglio Comunale - che il documentario prende le mosse. Infatti, durante la seduta del Consiglio Comunale nella quale si era posto all'ordine del giorno l'apertura di un Registro delle coppie di fatto, un consigliere di maggioranza si era espresso con frasi tanto omofobe da indurre un gruppo di ragazzi (riunitosi sotto il nome di Cinefreak) a fare una serie di interviste per le vie del centro cittadino chiedendo ai passanti cosa ne pensassero dell'omosessualità, del matrimonio gay e dell'adozione di bambini da parte di omosessuali...
Il video (della durata complessiva di 31 minuti) presenta al pubblico in carrellata le risposte raccolte in città, dando voce, nella prima parte, a quelle di stampo omofobe, per poi lasciare il microfono…