Passa ai contenuti principali

X-Files alla vigilia di X-Files

Rivedere X-Files – Il film alla vigilia dell'uscita del nuovo film tratto dalla fortunata omonima serie TV non è stato per nulla deludente. 
Il film ha un ritmo invidiabile (serrato) ed è narrativamente autonomo. Infatti, anche a distanza di anni dalla chiusura della serie TV, esso è perfettamente fruibile. 
In altre parole, seppur pensato sull'onda del successo mondiale della serie X-Files, il film può essere visto anche da coloro che non hanno mai visto un episodio del telefilm. 
Quanti, invece, ne sono stati dei fan, rivedendo il film oggi rivivranno – forse con nostalgia – tutto il clima che la serie aveva creato: un clima di attesa (di rivelazioni sugli alieni) e in qualche modo di “complicità” tra fan, o meglio di community. 

La storia attorno a cui ruota il primo film di X-Files è tutta incentrata sulla cospirazione aliena. 
Mulder (interpretato egregiamente da David Duchovny) e Scully (interpretata ugualmente ottimamente da Gillian Anderson), nonostante la sezione dell'FBI “X-Files” sia stata ufficialmente chiusa, si ritrovano – loro malgrado – a indagare sugli alieni e i loro piani di colonizzazione della Terra.
Non mancano i colpi di scena accompagnati dal sottile umorismo tipico di Mulder. 
Belli anche gli effetti speciali (sobri, ma non sorpassati). 
Colonna sonora mitica.
Film da rivedere.

X-Files – Il film. Regia di Rob Bowman. Con David Duchovny, Gillian Anderson, John Neville, Martin Landau. USA 1998.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.