Passa ai contenuti principali

Inventato di sana pianta

Inventato di sana pianta di Hermann Broch è stato scritto nel 1934 ed è di un'attualità sconcertante. Infatti mette in scena gli affari poco puliti di banchieri e faccendieri senza troppi scrupoli. Persone molto più legate ai soldi che alla vita, tanto da decidere di suicidarsi quando i loro affari economici vanno a rotoli. 
Addirittura nel primo tempo (quasi a inizio di spettacolo) Luca Ronconi inscena il contemporaneo tentativo di suicidio di 4 personaggi che, ognuno all'insaputa dell'altro, tenta, appunto, di togliersi la vita. La simultaneità delle azioni è la cifra stilistica dello spettacolo ed è realizzata grazie a un palcoscenico a due piani, il cui secondo è diviso in tre camere da letto (l'azione si svolge in un hotel). 
La bella scena realizzata da Marco Rossi ed esaltata dalle luci di Gerardo Modica è in grado di variare gli spazi, mettendo al centro dell'attenzione dello spettatore lo spazio nel quale si sta svolgendo l'azione più importante in un determinato momento. In tal modo, ad esempio, una stanza si allarga mostrando al pubblico il suo contenuto e, contemporaneamente, un'altra stanza si stringe fino a scomparire alla vista degli spettatori. Un procedimento che, in qualche modo, può ricordare la zoomata cinematografica e televisiva su un dettaglio determinato.
Gli attori, abilmente vestiti da Jaques Reynaud, sono stati tutti assai bravi, e di loro si ricorderà il barone truffatore e geniale di Massimo Popolizio, il banchiere ai limiti della legalità e sul lastrico di Massimo De Francovich, l'ereditiera annoiata e in cerca d'amore di Pia Lanciotti e la baronessa svagata di Anna Bonaiuto.
Lo spettacolo, algido e ineccepibile, non pare avere pienamente convinto gli spettatori presenti ieri al Teatro Donizetti di Bergamo che hanno applaudito con poca convinzione gli attori al calar del sipario.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.