Passa ai contenuti principali

La città degli uomini soli

È davvero un bel romanzo La città degli uomini soli di Marco Innocenti edito da Dario Flaccovio Editore. 
Ambientato in un futuro indefinito che assomiglia in modo preoccupante al nostro presente, narra le vicende di un single in una città-stato (dal nome eloquente di Mediterranea) nella quale potere politico e potere religioso concordano nel considerare la famiglia formata da una coppia eterosessuale l'unica scelta di vita possibile e danno la caccia agli irregolari che non si adeguano alla norma.
Tra gli irregolari, al principio, il Governo e la Chiesa di Mediterranea annoverano solo gli omosessuali, ma, in seguito, non esitano a iscrivere anche tutti quegli eterosessuali che non scelgono la strada del matrimonio, siano essi single o no.
A Mediterranea, dunque, chi non si adegua alla morale corrente rischia grosso: dapprima è fatto oggetto di semplici avvertimenti, poi è soggetto a vere e proprie persecuzioni travestite da provvedimenti presi al fine di salvaguardare l'integrità delle persone normali, infine resta vittima di pestaggi ad opera della polizia e di sparizioni e uccisioni.
Suo malgrado, si trova a vivere una vita da irregolare anche il protagonista del romanzo, un investigatore privato poco eroico e molto abitudinario, che, deluso dall'Amore, preferisce il sesso a pagamento a una duratura relazione affettiva. Nella sua vita monotona, però, fa la comparsa una giovane donna dal passato equivoco e dal presente misterioso che porterà con sé l'amore e il pericolo...
Non si aggiunge altro: il romanzo, avvincente e scritto con ritmi serrati, va letto tutto d'un fiato. Una lettura che non mancherà di far riflettere sulle discriminazioni insensate delle quali, oggigiorno, sono vittime gli appartenenti alle minoranze.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.