Passa ai contenuti principali

Ad ognuno il suo mestiere

Chisciotte e gli invincibili di Erri De Luca potrebbe essere uno spettacolo coinvolgente e con i ritmi giusti se in scena non ci fosse Erri De Luca: il noto scrittore, infatti, è padrone della parola scritta, ma digiuno dell'arte oratoria e dell'attore. Le sue parole che, presumibilmente sulla pagina prendono vita, nella sua bocca muoiono zoppicando e trascinandosi. Non lo aiutano né la dizione incerta, né la memoria e neppure la voce tutt'altro che stentorea. In definitiva, quando Erri De Luca dice le sue (e le altrui) parole diventa penosamente noioso. Altra cosa, si crede, sarebbe lo stesso spettacolo se a recitarlo fosse un attore vero o, anche solo, un vero attore: le parole di De Luca prenderebbero vita e forma e risuonerebbero vere in teatro.
Fortunatamente De Luca non è solo in scena: al suo fianco ci sono il cantautore Gianmaria Testa (che canta i versi di grandi poeti del Novecento da lui stesso musicati: la poesia è parola e la parola è musica) e il clarinettista Gabriele Mirabassi. Due artisti che sanno tenere la scena e imprimerle un ritmo appropriato.
Il pubblico del Teatro Donizetti di Bergamo è stato largo d'applausi e ha ottenuto anche il bis.

Commenti

  1. La "presenza" sul palco è parsa anche a me un po' scarsa per tutti i protagonisti dello "spettacolo", che tale però è difficile definire assomigliando forse di più ad un trattato animato di sensibilizzazione sui temi della guerra e della dignità dell'uomo.
    Il ritmo effettivamente un po' blando, nonostante alcuni tentativi di sdrammatizzazione superpopolare e nonostante chitarra a clarinetto a tratti vibranti, a mio avviso è però da attribuire al ridotto materiale portato in scena che così pare un po' dilatato e non sufficiente a coinvolgere davvero e a catturare emozionalmente il cuore dello spettatore.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.