Passa ai contenuti principali

Quando l’amato è distante

I Sonetti dell’amore oscuro di Federico García Lorca tornano in libreria, tradotti della poetessa Giovanna Musolino, editi dall’editore Stella (Rovereto, Trento).
Si tratta di un canzoniere di sole 11 poesie rimaste inedite fino al 1984 e di cui gli eredi del poeta (morto nel 1936) avevano perfino negato l’esistenza. La causa di tanta reticenza, molto probabilmente, sta nel fatto che i componimenti d’amore sono dedicati a un uomo e gli eredi non gradivano il particolare…
Sono poesie intense, quelle di García Lorca, che trovano alimento dalla distanza dell’amato; un amato sempre presente nel cuore e nell’anima del poeta, ma, paradossalmente, distante anche quando materialmente presente («Tu non saprai mai quanto ti amo / perché in me dormi chiuso nel tuo sonno» afferma il poeta in L’amore dorme nel petto del poeta e ha tutta l’aria di un rimprovero rivolto a un amante distante).
Ecco che nel canzoniere dell’amore oscuro (perché non lo si può vivere alla luce del sole) suonano versi carichi di malinconia, di paura, di dolore e di nostalgia… E i timori del poeta vengono da lui esplicitati e raccontati all’amato, per intenerirlo e per cercare in lui segni d’amore, come in Il poeta dice la verità: «Voglio dirti piangendo la mia pena / affinché tu mi ami e per me pianga».
È un poeta che trema, García Lorca, trema per la paura, una paura che nasce direttamente dall’intensità del sentimento e che, però, non gli impedisce di confessare all’amato i propri timori, come avviene in modo sublime in Sonetto del dolce lamento: «Ho timore di perdere la  meraviglia / dei tuoi occhi di statua e l’accento / che mi pone di notte sulla guancia / la solitaria rosa del tuo respiro».
E se l’amato è distante, allora non resta che sperare di raggiungerlo (ed essere raggiunti) o con la parola scritta o con quella orale, perché grande è il potere della parola per un poeta… E grandissima era la parola poetica di Federico García Lorca…

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.