Passa ai contenuti principali

Il privato del Maestro

Nel decennale della morte di Giorgio Strehler (14 agosto 1921 - 25 dicembre 1997) il Comune di Trieste (città natale del Maestro) dedica al grande regista la mostra Strehler privato visitabile, con ingresso gratuito, fino al 2 marzo 2008 nella Sala Leonardo di Palazzo Gopcevich (sede del Civico Museo Teatrale "Carlo Schmidl" nel quale è custodito il lascito delle eredi).
La mostra, a cura di Roberto Canziani, ricostruisce il mondo privato del co-fondatore (assieme a Paolo Grassi) del Piccolo Teatro della Città di Milano.
Diviso per "stanze", il percorso espositivo ripercorre quello che potrebbe definirsi il processo creativo del regista: dalla lettura del copione alla sua realizzazione scenica. 

Ecco, quindi, la biblioteca con i testi del mestiere, ma anche con i libri dedicati allo svago (oltre ai volumi di fantascienza, fa bella mostra di sé anche un album della rivista "Playmen"). 
Ecco la scrivania con la posta da evadere, le diapo da visionare, i copioni da leggere e le audiocassette da ascoltare... 
E poi i figurini e le fotografie documentarie...

Intima e suggestiva la sala dedicata al bambino Giorgio (con le letterine alla "mama" e i giochi) e all'uomo di teatro Strehler (con la valigia sempre pronta e il passaporto a portata di mano); ma, in qualche modo, sono "private" anche le sale dedicate all'epistolario (lettere ricevute e inviate da/a colleghi e amici: si scorgono, tra le altre, missive di e per Fellini, Visconti, Moravia, Gaber...) e al rapporto del Maestro con la musica (e vi si trovano, tra l'altro, il violino della madre, i dischi di Brecht, e uno spartito del Maestro Riccardo Muti con dedica autografa «A Giorgio, al più grande! Con affetto e ammirazione»).


Chiude il percorso un angolo video dove è possibile assistere alla proiezione di spettacoli firmati dal grande regista: il processo che ha portato alla creazione si è concluso con l'alzarsi del sipario...
Una mostra delicata e suggestiva (corredata da un buon catalogo) che vale una visita a Trieste.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.