Passa ai contenuti principali

La negazione del Teatro in Molly Sweeney

La Molly Sweeney di Brian Friel per la regia di Andrea De Rosa presentata ieri al Teatro Donizetti di Bergamo lascia più di una perplessità. Nei primi 30 minuti di spettacolo il pubblico è stato invitato a indossare una mascherina che impedisse la visione di ciò che si stava svolgendo in platea: l’intento spiegato agli spettatori da Umberto Orsini prima dell’inizio, era quello di coinvolgere il pubblico in modo più diretto. Infatti il testo di Friel racconta l’esperienza di una donna non vedente che, spinta dall’energia del marito, si sottopone a due operazioni agli occhi che le fanno parzialmente recuperare la vista. L’intento della regia, dunque, era, in qualche modo, quello di aumentare il livello di immedesimazione del pubblico rendendolo momentaneamente cieco, per poi restituirgli la vista a un segnale convenuto (ovvero lo scoppio di un temporale). 
Ecco la prima perplessità: il teatro è visione fin nell’origine della sua parola. Infatti la parola theatron, da cui la parola teatro deriva, significa “luogo dal quale si vede” e indicava l’emiciclo nel quale il pubblico si sistemava per guardare lo spettacolo. Impedire la visione a teatro, quindi, significa, in qualche modo, snaturarne profondamente la natura. Se l’intento, poi, era quello di fare immedesimare gli spettatori nella difficoltà cognitiva di una persona non vedente, va detto che lasciare comodamente seduti in platea gli spettatori e non sollecitarli in alcun modo non pare una via particolarmente stimolante. Molto più coinvolgente sarebbe stato sollecitare la platea con odori e sollecitazioni tattili e motorie… Insomma: i primi 30 minuti di spettacolo si potevano anche scalare dal prezzo del biglietto…
Per il resto dello spettacolo va detto che i tre attori sono stati davvero molto bravi: Umberto Orsini, Leonardo Capuano e Valentina Sperlì hanno interpretato il loro ruolo con convinzione e, in certi momenti, sono riusciti anche a far dimenticare che tra loro non vi era alcuno scambio dialogico: le loro parti, infatti, sono pensate per essere una serie di monologhi che si intrecciano tra loro. E questa è un’altra perplessità dello spettacolo: la negazione dello scambio dialogico ha fatto, a tratti, rimpiangere la lettura diretta della cartella clinica di Molly Sweeney…
Il momento più intenso e coinvolgente dello spettacolo è la sequenza finale, nella quale c’è il trionfo della visione: Molly, ormai pazza, viene legata a un tavolaccio che si stacca dalle quattro gambe e resta sospeso per aria a simboleggiare la sospensione mentale della protagonista: finalmente un po’ di teatro

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.