Passa ai contenuti principali

Le troie di Dennis Cooper

Dennis Cooper è un autore noto per la sua esplorazione del mondo sado/maso gay che racconta senza affidarsi a giri di parole o metafore. 
Egli, infatti, pare avere l’evidente intenzione di colpire dritto allo stomaco del lettore con le sue crude descrizioni. Ci riesce.
Troie edito da Fazi Editore è ora leggibile anche in italiano. 
Si tratta di un romanzo ben scritto che finge di essere un sito internet. In altre parole, il lettore si trova come a “sfogliare” (o meglio, “navigare”) le pagine di un sito internet specializzato in recensioni di escort (le troie del titolo). 
È come se il lettore stesse, pagina dopo pagina, recensione dopo recensione, commento dopo commento, leggendo un sito on line costantemente aggiornato con notizie fresche, anche se non sempre veritiere. 
Il confine tra la realtà e la fantasia, in Troie, non è mai tracciato con nettezza e il lettore non sa mai se quello che sta leggendo corrisponde a verità (ovvero a un fatto “realmente accaduto”, seppure nella finzione letteraria), oppure a una palese invenzione di qualche navigatore che, per farsi bello agli occhi degli altri utenti del sito, racconta un fatto mai accaduto. 
Esattamente come accade in un qualsiasi sito internet di libera discussione, infatti, chi legge quanto scritto da altri non può mai avere la sicurezza che quanto si trova a leggere sia accaduto realmente, oppure sia una fantasia dell’autore del commento… 
La storia che affascina e appassiona gli utenti del sito internet “trascritto” nel romanzo di Cooper è quella tra l’escort Brad e il pappone Brian.
I due fanno sesso estremo tra loro e con altri e Brian vuole uccidere Brad durante un atto sessuale. Pare che Brad sia consenziente ma, quando Brian inizia a mettere in pratica la sua fantasia di morte, il ragazzo si spaventa e fugge. 
Molti sono gli utenti curiosi di sapere il seguito della storia… e due di loro (Thad e Zack) sono ossessionati al punto da assumere le identità dei loro “beniamini”. 
Il giallo si complica (con tanto di cadaveri “veri”), perché i confini tra realtà e fantasia sbiadiscono sempre di più…

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.