Passa ai contenuti principali

Hip hop mediterraneo

Chi ha avuto la bontà di leggere quanto si va scrivendo qui saprà che non siamo facili agli entusiasmi. Di fronte, però, al coreografo Enzo Celli che, nell’ambito del Festival Danza Estate, presenta Suzz e Sircus non si può non usare espressioni come “geniale”. 
Celli, infatti, è un poeta della danza che, attraverso la contaminazione di vari linguaggi, arriva un personalissimo percorso che sfocia nella creazione di quello che si potrebbe definire “Hip hop mediterraneo”. Lungi, infatti, dall’essere un epigono o un esponente troppo legato all’hip hop d’oltreoceano, Celli innesta in tale forma di danza movimenti direttamente presi dalla danza contemporanea e dall’atletica, non tralasciando il teatro e le arti circensi.
Affiancato da danzatori di altissimo livello (Federica Angelozzi, Federica Galimberti, Giuseppe Gatti, Moreno Mostarda e Concita la Rosa), il risultato raggiunto negli spettacoli sopra menzionati è degno del circuito internazionale. La forza, la preparazione tecnica, l’agilità e il ritmo diventano una cosa sola per tutti i danzatori della compagnia e nel loro coreografo si “sporcano” per assumere una dimensione assolutamente personale, in qualche modo unica, originale. È come se Celli “scherzasse” con ciò che conosce bene e, in tal modo, ne desse una immagine diversa, "altra".
Si diceva che il suo può essere definito un “Hip hop mediterraneo” in ragione della contaminazione dei linguaggi espressivi. Ovviamente, uno dei linguaggi con i quali un coreografo si esprime è la musica, la musica sulla quale danza. Celli e i suoi danzano l’hip hop non solo su musiche di genere, ma anche sui cantautori italiani e su musica classica-rinascimentale, nonché su musiche tradizionali.
Tutta la commistione di generi descritta finora rischiava di sfociare in un ibrido che poco avesse da dire. Celli, invece, raggiunge ottimi risultati espressivi-comunicativi. Un esempio per tutti è il passo-a-due con tanto di bacinella per lavare i panni nel quale i danzatori raggiungono una sensualità inaspettata (e gradita) per l’hip hop (che, invece, fonda molto del suo linguaggio sulla sfida).
Meritata ovazione finale.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.