Passa ai contenuti principali

Povero diavolo o farabutto

Grande, grandissimo Silvio Orlando. Lo si afferma uscendo da teatro dopo averlo visto recitare in Questi fantasmi! di Eduardo De Filippo per la regia sapiente e discreta di Armando Pugliese
Silvio Orlando, noto e apprezzato attore cinematografico, interprete squisito di film come Il portaborse, Palombella rossa, Sud, La stanza del figlio..., in Questi fantasmi! ha dato una magnifica prova della sua arte. Una prova che risulta ancora più vincente se si pensa che recitare in un testo del grande Eduardo vuol dire, inevitabilmente, mettersi a confronto con il Maestro. 
Orlando la prova la supera a pieni voti: vedendolo recitare non si sente neppure per un istante la mancanza di Eduardo in scena. La recitazione di Orlando non tenta mai di fare il verso a Eduardo, ma resta la recitazione di Orlando così come abbiamo avuto modo di apprezzare al cinema. 
Il Pasquale Lojacono di Orlando è un uomo che assume un'indeterminatezza e un'ambiguità marcata: mai il pubblico è sicuro del fatto che egli creda davvero alla presenza dei fantasmi nell'appartamento di 18 stanze che è stato chiamato a occupare, oppure che approfitti della situazione e voglia credere che l'amante della moglie è un fantasma. 
Una indeterminatezza e un'ambiguità che verso il finale si carica di amarezza. E la risata finale sulla quale cala il sipario lascia davvero l'amaro in bocca. Cosa esprime quella risata di Lojacono con i soldi in mano?: con quella risata afferma di essere un povero diavolo o un farabutto? 
Grande Orlando a lasciare il pubblico con la domanda sulla quale Eduardo ha costruito tutta la pièce. Questi fantasmi!, infatti, senza tale indeterminatezza sarebbe solo una esile e povera farsa. Con tale tarlo del dubbio, invece, assume un qualcosa di pirandelliano che, volutamente, si accentua con l'entrata in scena della famiglia dell'amante della moglie del protagonista: un ingresso che richiama I sei personaggi in cerca d'autore di Luigi Pirandello. Nella memoria del pubblico, oltre alla scena dell'apparizione della famiglia ora citata, resteranno almeno altre due scene: quella celebre della tazzina di caffè gustata sul terrazzino e quella della “sparizione” delle 2000 lire. Scene nelle quali Orlando è stato irresistibile. Spettacolo da non perdere.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.