Passa ai contenuti principali

Quando Gabriele smaniava per Tamara

Un agile volume edito da ES racconta nei dettagli il secondo incontro al Vittoriale degli italiani tra Gabriele D’Annunzio e Tamara De Lempicka
Tamara era già stata una prima volta al Vittoriale per conoscere il Vate, ma ne era fuggita nottetempo, per motivi che sono rimasti ignoti (almeno finora). 
Il secondo soggiorno di Tamara al Vittoriale, invece, è documentato grazie al racconto che ne fece Aélis Mazoyer nel suo diario. 
La Mazoyer era, per D’Annunzio, ben più di una governante: era una confidente, ma soprattutto, era l’amante esperta in fellatio, e, infine, all’occorrenza, era la mezzana che procurava nuove amanti al Comandante. È grazie alle sue pagine vergate quotidianamente che emergono particolari piccanti della vita intima del poeta.
Nello specifico, l’incontro tra il Comandante e la Polacca (tali gli appellativi con cui la Mazoyer identifica Gabriele e Tamara) è raccontato con viva partecipazione: la Mazoyer parteggia per il suo padrone, anche perché, se il Vate fosse riuscito nell’impresa di circuire la Pittrice, a lei sarebbe stata risparmiata la “fatica” di soddisfare il padrone prima che questi si coricasse per la notte: D’Annunzio, infatti, voleva essere soddisfatto sessualmente ogni notte da una delle donne del suo harem.
Gabriele, per conquistare Tamara, non rinuncia a nessun espediente: è, di volta in volta, galante, supplichevole, arrogante. Tamara, però, fa la ritrosa: si concede quanto basta per mandare Gabriele a fuoco, ma gli nega il rapporto completo, adducendo vari motivi, tra i quali la paura di restare incinta e quella di essere contagiata dalla sifilide (e il Vate si era offeso per tale insinuazione). Tamara accetta i doni che Gabriele le fa recapitare, ma non accetta di donare se stessa a Gabriele, il quale si adira al punto che – ormai resosi conto di aver fallito nell’impresa – la caccia di casa, negandole il ritratto promessole: Tamara, infatti, era ufficialmente al Vittoriale per fare il ritratto di D’Annunzio.
Un libretto da leggere con curiosità Tamara De Lempicka e Gabriele D’Annunzio nel diario di Aélis Mazoyer: la curiosità di vedere nell’intimo e nel privato il modo di vivere di due grandi personalità del secolo scorso, entrambe note al mondo non solo per le loro opere, ma anche per le loro avventure sessuali e la loro sensualità esibita. Due amatori che avrebbero potuto “mandare a fuoco” il Vittoriale incontrandosi, ma che, invece, fecero solo qualche scintilla.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.