Passa ai contenuti principali

La rossa pazzia di Lucia

Trionfo per la prima di Lucia di Lammermoor di Cammarano-Donizetti diretta da Antonino Fogliani per la regia di Francesco Esposito al Teatro Donizetti di Bergamo. 
Nel ruolo della protagonista una assai brava Désirée Rancatore che ha saputo rendere pienamente la delicatezza mentale e fisica di Lucia che, per amore infelice, impazzisce. La trama della Lucia di Lammermoor è nota e non brilla per originalità: un amore contrastato per ragioni politiche conduce alla tragedia: lei (Lucia) impazzisce e lui (Edgardo) si suicida. 
Ciò che forse va sottolineato è il modo impiegato da Donizetti per rendere la pazzia di Lucia: l’uso di una musica delicata. Lucia, infatti, sente «un’armonia celeste» e Donizetti tenta riprodurla nello spartito. E, va detto, il quadro della pazzia di Lucia è quello meglio riuscito dello spettacolo: il regista ha voluto che Lucia entrasse in scena scendendo i bianchi gradini di una ripida scala. Ella è di bianco vestita e, mentre scende, perde pian piano il rosso mantello. Al termine della discesa sulla scala sarà rimasta una metaforica lunga scia di sangue resa dal mantello rosso. 
Per il resto, lo spettacolo pare un po’ troppo fermo: la gestualità dei cantanti (tutti giovani) è, a dir poco, misurata e i movimenti irrisori. La scena è assente (ma resa con pochi e generici arredi di scena) e i costumi di tonalità scura (è inverno, infatti). Qualche tocco di colore lo si ha quando nevica rosso (son petali di rosa o è una visione di Lucia?) e nella già citata scena della pazzia di Lucia.
Va segnalato il fatto che il regista, durante la sinfonia iniziale, ha aperto il sipario mostrando al pubblico quello che sarebbe stato il quadro finale: in tal modo lo spettacolo ha assunto la funzione di un lungo flash back esplicativo. 
Bravi i cantanti. Bravo il Direttore. Lunghi e insistiti applausi finali. Affermazione personale di Roberto De Biasio nel ruolo di Edgardo.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.