Passa ai contenuti principali

Schiavo d’amore

È un romanzo intenso La dolcezza di Christophe Honoré edito in Italia da Playground.
Una storia in grado di scavare nel profondo dei lettori. 
Una vicenda crudele e tenera. 
Una storia d’amore e d’orrore che ha come protagonisti dei ragazzini, ma forse è meglio dire dei bambini. 
Degli assassini. 
Dei piccoli, teneri, amanti. 
Dei sadomasochisti spietati, come spietati possono essere alcuni bambini.
Un delitto orrendo: un ragazzino, ospite di una colonia estiva, assassinato in modo barbarico. 
A ucciderlo, i gendarmi ne sono certi, sono stati due altri piccoli ospiti della struttura. 
E, d’altronde, i due lo ammettono, confessano. E per questo sono trascinati via. Divisi per sempre, loro che sognavano di restare uniti. 

Ma cosa è accaduto veramente quella notte? Chi ha ucciso e perché? Davvero un orribile delitto può essere stato architettato e portato a termine soltanto da due bambini, senza che qualche adulto li aiutasse? A porsi le domande è Baptiste, ossia il fratello maggiore di uno dei due assassini, quello che, ora (nel presente), è rinchiuso in un istituto di igiene mentale: Steven. E lo chiede con insistenza, con ossessione a chi quella notte era presente, “costringendo” il narratore e il lettore a muoversi in continuazione tra un piano temporale e l’altro, tra il passato e il presente. È attraverso la sua indagine che il lettore riesce a conoscere la verità. Non mancano i colpi di scena e i tentativi di sviare le indagini, per approdare a soluzioni diverse dalla verità dei fatti. 
Ma, alla fine, a raccontare (ma soprattutto a raccontarsi) cosa è avvenuto davvero sarà Steven, nel tentativo di liberarsi proprio di quel passato che pesa sul presente togliendo il respiro. 
Liberarsi, lui che per natura è schiavo, schiavo dei ragazzi che ama e pronto a eseguire i loro ordini, pur di soddisfarli… 
Non si può concludere queste righe senza ammettere, con ammirazione, che Honoré è in grado, non solo di tenere il lettore incollato alla pagina, ma di fargli provare una gamma di sensazioni forti e contrastanti: dalla tenerezza all’orrore, dall’eccitazione dei sensi allo sgomento. 
Un libro da leggere.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.