Passa ai contenuti principali

Il bambino in cerca di un adulto da amare

Il bambino incantato di Rachid O. è un romanzo autobiografico nel quale il giovane Rachid (classe 1970) racconta la sua infanzia e adolescenza vissuta in Marocco.Rachid O. scrive in francese e usa una lingua piana, semplice. È una lingua, la sua, lontana da complicate forme letterarie e molto vicina al parlato. E tale lingua influisce sulla dimensione del racconto e del rapporto autore-lettore: il fruitore, infatti, ha la sensazione di ascoltare la narrazione direttamente dalle labbra di Rachid senza la mediazione della scrittura. Una narrazione “orale”, dunque, quella di Rachid O.
Una “freschezza” narrativa che influisce anche sul contenuto della narrazione che viene recepito dal lettore come “leggero” e per nulla morboso. Per quanto, infatti, il piccolo Rachid si trovi a vivere esperienze in qualche modo “estreme”, il lettore non ne resta turbato, ma le recepisce, invece, come esperienze sostanzialmente positive e, sicuramente, gioiose.Esperienze che influiscono positivamente sulla crescita fisica e psichica del piccolo Rachid. Un bambino, Rachid, che vive con il padre che adora, i fratelli e una zia e che va in cerca di storie d’amore con uomini più adulti. Uomini che amano bambini. E li trova indifferentemente sia tra gli adulti marocchini, sia tra quelli francesi che vivono in Marocco.
Adulti che – specie quando Rachid è un bambino – pare approfittare un po’ troppo della voglia d’amore del piccolo, pur senza mai eccedere o fargli violenza. Adulti che tentano (riuscendoci) di costruire con l’adolescente Rachid un rapporto che vada ben oltre l’occasionalità e che possa divenire, invece, stabile e duraturo. Ma a porre un freno a tali rapporti non è tanto la riprovazione sociale (di cui nel libro si avverte solo una lontana eco), quanto il fatto che, inesorabilmente, Rachid cresce e, quindi, piace sempre meno ai suoi amanti pedofili.
È lui stesso, raggiunta la maggiore età, a scriverlo con lucidità ed amarezza dopo aver incontrato un uomo di cui si era follemente e vanamente invaghito: «Ancora una volta mi sono ritrovato innamorato di un uomo che ama i ragazzi giovani, ovvero ciò che io non sono più. Lo amo moltissimo».
Un romanzo, Il bambino incantato edito da Playgraund, di cui si consiglia la lettura.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.