Passa ai contenuti principali

Volonté, gigante contraddittorio

Bursenzafiltro ha dedicato un libro + DVD al grande Gian Maria Volonté: Un attore contro. Gian Maria Volonté. Il libro riunisce una serie di studi critici e “testimonianze” di studiosi e registi. Il DVD è un documentario dedicato a colui che, all’estero, è considerato uno degli attori cinematografici più importanti e grandi del Novecento. 
Nel documentario sono riunite alcune delle più belle sequenze interpretate da Volonté e una serie di interviste agli artisti (attori, registi, costumisti e sceneggiatori) che hanno lavorato con lui. 
Emerge la figura di un gigante contraddittorio: bravissimo, “folle” e ribelle. Volonté si preparava accuratamente per i ruoli che decideva di portare sullo schermo, studiando la parte e il personaggio giorno e notte. Una forza di volontà che si sposava perfettamente con la sua grandiosa arte di attore: un attore poliedrico e sopraffino, che incarnava il personaggio a meraviglia e, in modo quasi miracoloso, riusciva a far capire allo spettatore che, in fondo, stava “solo” recitando. 
Immedesimazione e straniamento brechtiano nella stessa interpretazione. Un dissidio che, lui, riusciva a rendere naturale. Ecco, forse, la sua grandezza assoluta sta tutta qui: nell’aver conciliato gli opposti… Un attore tanto grande e “capace” da diventare co-autore (assieme allo sceneggiatore e al regista) del film che sceglieva di interpretare. 
Forse, però, i dissidi che gli costava di più sostenere non erano quelli artistici, ma quelli legati indissolubilmente alla sua personalità, al suo carattere: capace di grandi slanci di generosità nei confronti dei suoi colleghi (e dei suoi simili), Volonté era anche una persona per nulla “facile”: spesso si chiudeva in impenetrabili mutismi, o si negava agli amici; per non dire che famosi erano i suoi scatti d’ira e le sue prese di posizione contro-corrente. 
Tra i suoi film si ricordano: Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto; La classe operaia va in paradiso; A ciascuno il suo; Porte aperte; Una storia semplice. Tutti film di forte impegno sociale. Tutti strepitosamente interpretati.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.