Passa ai contenuti principali

Viva Zapatero!

Viva Zapatero! di Sabina Guzzanti, ora disponibile in libreria in un cofanetto libro + DVD edito da BUR senzafiltro.

Se già in Reperto Raiot la Guzzanti ripercorreva, con la lente d’ingrandimento offertole dalla satira, la vicenda che l’ha vista vittima della censura, ora in Viva Zapatero! la nostra grande attrice comica si cimenta, con ottimi risultati, nel genere del film-documentario. Ne nasce un’inchiesta «a 360°» (per citare l’Annunziata della Guzzanti) sul mondo dell’informazione italiana. Un mondo popolato in massima parte da persone vili che si piegano di fronte al potente di turno, praticando «il peccato d’omissione» (parole di Enzo Biagi), ovvero evitando di riferire al pubblico fatti e fattacci del potere.

Magra figura, anzi ridicola e preoccupante figura, fa l’Italia di fronte al resto dei paesi europei con il quali, nel documentario della Guzzanti, viene paragonata. In Francia, in Inghilterra e in Olanda, per esempio, l’informazione è libera e indipendente e, di conseguenza, anche la satira lo è e può essere esercitata senza paure di censure. Diversamente in Italia, dove la censura si abbatte indifferentemente su giornalisti e comici: Enzo Biagi, Michele Santoro, Dario Fo, Daniele Luttazzi, Paolo Rossi, Beppe Grillo (tanto per fare qualche nome)… e Sabina Guzzanti ne sono le vittime più illustri. Ma molti sono coloro che ne sono colpiti e di cui poco o nulla si sa.

E che dire della Spagna di Zapatero? Semplicemente che Zapatero, appena diventato premier, ha proposto una legge che impedisca ai politici di mettere le mani sui posti di potere della TV pubblica! «A futura memoria: la Libertà che abbiamo ce la siamo presa» dice la Guzzanti e, molto probabilmente, intende dire che la Libertà va difesa minuto per minuto e va riconquistata. Un documentario, quello della Guzzanti, che, non solo non dovrebbe mancare nella cineteca personale, ma andrebbe proiettato nelle scuole italiane di ogni ordine e grado.

Il DVD è ricco di extra tutti da vedere.

Altre recensioni su Sabina Guzzanti

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.