Passa ai contenuti principali

Piccoli crimini coniugali

Veste Etro Andrea Jonasson in Piccoli crimini coniugali di Eric-Emmanuel Schmitt per la regia di Sergio Fantoni e non è un caso: il suo è il personaggio di una donna di successo, una pittrice, sposata da 15 anni a uno scrittore. Una donna che manifesta il proprio status sociale per mezzo dei vestiti firmati e costosi e di una casa piccola, ma arredata con gusto.
Una donna che ama il proprio marito e ne è gelosa al punto che preferirebbe vederlo morto, piuttosto che saperlo o immaginarlo tra le braccia di un’altra donna.
Una donna che – tutto sommato – è infelice e insicura e si veste di capi firmati che ne sappiano mettere ancora in luce l’antica e duratura bellezza. Una bellezza mostrata con insistenza a un unico spettatore: il marito. Un marito (Massimo Venturiello) che, però, è più intento a correre dietro alle ragazzine, piuttosto che rendere felice la moglie che pure ama.
Piccoli crimini coniugali ha un esordio e uno sviluppo che ricorda l’Enrico IV di Luigi Pirandello (autore che deve essere caro a Schimitt se, anche per Variazioni enigmatiche, chi scrive ne aveva ricordato il nome): al centro dello sviluppo dell’azione, infatti, c’è una perdita di memoria (quello del marito-scrittore) da “giostrare” al fine di ottenere un nuovo individuo. E, come nel testo di Pirandello, lo smemorato, in realtà, non lo è affatto, ma finge…
Uno spettacolo, quello di Fantoni, che riproduce fedelmente il testo e che, molto probabilmente, è pensato per un pubblico di mezza età, pronto a immedesimarsi nelle vicende della coppia di coniugi stanca e “criminale”, nella quale i ruoli di carnefice e vittima sono assunti, di volta in volta, sia dal marito, sia dalla moglie.
Applausi al calar del sipario per i due bravi interpreti.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.