Passa ai contenuti principali

The interpreter

C'è qualcosa che non convince in The interpreter di Sydney Pollack. 
L'incipit del film è carino: l'interprete del titolo, una bellissima e bravissima Nicole Kidman, sente per caso una conversazione che non avrebbe dovuto udire, nella quale si dice che il presidente-dittatore di un paese africano sarà ucciso durante il discorso da lui tenuto all'Assemblea generale dell'ONU. Mentre ascolta tale conversazione, l'interprete viene vista dai killer del complotto che iniziano a darle la caccia per eliminarla. Richiesta la protezione dei servizi segreti, l'interprete si vedrà prima sospettata dal detective (un bravo Sean Penn) chiamato a proteggere il Capo di Stato oggetto dell'attentato e, poi, da lui amata. Il seguito non si svela...
Il film è stato girato all'interno del Palazzo di vetro delle Nazioni Unite (per la prima volta diventato un set cinematografico) e per le strade di New York. La regia di Pollack tende a ritmi serrati e a inquadrature inusitate (ad esempio, dall'alto in basso o dal basso in alto) che danno il senso della precarietà e della vertigine: nessuno può essere immune dal sospetto e le cose non sono come sembrano.

Eppure, nonostante gli elementi positivi finora descritti (un incipit accattivante, la bravura dei protagonisti, la consumata regia), The interpreter non convince del tutto. Forse è perché, in fondo, la storia è un po' troppo inverosimile (nel senso che le coincidenze che si sommano nella vita dell'interprete sono davvero troppe, tanto che lei è ben oltre dall'essere solo una indifesa testimone); o forse perché l'accusare un capo di stato africano di genocidio e di crimini contro l'umanità e farlo giudicare dall'Assemblea generale dell'ONU, di questi tempi, ha lo sgradevole sapore dell'utopia.
Un film, in definitiva, gradevole, ma lontano dall'essere imperdibile.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.