Passa ai contenuti principali

Il negro

Il negro di Adolfo Caminha è un romanzo dalla trama semplice, lineare, quanto scandalosa. 
Pubblicato nel 1895 (e ora riproposto da Playground) fu subito considerato un libro maledetto perché narra degli amori omosessuali che uniscono due marinai: Amaro, detto Bom-Crioulo, il possente negro del titolo, e «il mozzo Aleixo, un bel marinaretto dagli occhi azzuri» e dal fisico ancora efebico.
Entrambi i marinai viaggiano su una nave da guerra sulla quale la disciplina viene impartita a colpi di frusta («l’unico mezzo per fare di un uomo un vero marinaio»). 
Va da sé che si può essere frustati per i più svariati motivi: per essersi masturbati (ovvero per aver commesso «il più vergognoso degli attentati contro se stessi») o per non aver eseguito bene un ordine o, peggio, per essersi ribellati ad esso.
Un ambiente, dunque, quello che vede lo sbocciare della passione tra il negro e il marinaretto, per nulla favorevole a una relazione tra uomini. 
E, infatti, i due decidono – una volta toccato terra – di affittare una stanzetta nella pensioncina di una equivoca e ancora provocante portoghese. 
Se l’idea appare positiva nei primi tempi della loro unione, essa si rivelerà fatale nel momento stesso in cui i due marinai vengono divisi per un ordine di servizio: uno su una nave e l’altro su quella dove si sono conosciuti. 
Ecco, allora, che Alexio tradisce e al negro non resta che scatenare la violenza per dare pace alla sua gelosia.
Una passione, quella che lega il negro al marmocchio quindicenne, forte e travolgente: il marinaretto che sessualmente svolge il ruolo passivo e sottomesso, in realtà, psicologicamente, domina il negro, la cui anima ha reso schiava. 
Inevitabili gli eccessi cui i due si lasciano andare, «senza pudore»…

Un romanzo, quello di Caminha, scritto assai bene, con una tecnica che può ricordare certe riprese cinematografiche: non è raro, ad esempio, che un’azione non venga narrata per intero, ma solo nella sua sequenza iniziale e in quella finale, eliminando completamente la fase intermedia. In tal modo, il lettore non si trova di fronte a un flusso narrativo unico e continuo, ma a due flash: uno che descrive l’antefatto del gesto e l’altro le sue conseguenze (saltando, quindi, la descrizione del gesto stesso). Una tecnica narrativa, quindi, ancora attuale e “fresca”.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.