Passa ai contenuti principali

The Keith Haring Show

Keith Haring è senza dubbio una delle icone dell’arte contemporanea. Nato in Pennsylvania nel 1958 è morto a New York nel 1990 di AIDS. La sua attività artistica si è svolta in tutto il mondo (molto spesso in l’Italia, oltre che a New York) tra il 1980 e il 1990. Un decennio che – forse – in campo artistico non è eccessivo definire il decennio di Keith Haring, ovvero il decennio dove la sua arte ha, più di ogni altra, influenzato non solo gli altri artisti, ma la società intera. Il suo stile è diventato inconfondibile e anche oggi le sue figure sono immediatamente associate al suo nome, segno sicuro del fatto che Keith è ormai entrato nel mito, insieme a pochi altri artisti contemporanei, tra cui il re della Pop Art Andy Warhol (che Haring ammirava e dal quale ha ricevuto grosse attestazioni di stima).
Cosa rende inconfondibile il lavoro di Keith Haring? Il suo segno marcato, definito. I suoi uomini-bambini dei quali disegna solo il contorno, un contorno che – a volte – non è affatto un confine per altri corpi. Le masse, infatti, nei lavori di Haring, si compenetrano, entrando l’una nell’altra e formando grovigli di cui spesso non si distinguono i dettagli. Inconfondibili, poi, i suoi cani, stilizzati al pari degli uomini, che possono anche non essere i migliori amici dell’uomo, e che sono diventati bipedi muovendosi sulle zampe posteriori e assumendo un vago senso di mostruosità. Tratto caratteristico della pittura di Haring, poi, è l’uso del colore acrilico che cola sulla superficie sulla quale Haring sta lavorando (raramente si parla di tele, più spesso di materiali inconsueti per l’arte tradizionale, ma noti alla Pop Art e all’arte di strada). Un colore brillante che copre di sé l’intera superficie a disposizione e si fa protagonista assieme al segno.
Fino al 29 gennaio 2006 è possibile ammirare alcuni dei capolavori di Keith Haring alla Triennale di Milano, in via Alemagna n. 6 nella bella retrospettiva a lui dedicata, The Keith Haring Show, nella quale sono presenti circa 100 dipinti, 40 disegni, numerose e coloratissime sculture e una buona documentazione video-fotografica.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.