Passa ai contenuti principali

L’altra Sindone

Il giornalista Saverio Gaeta, caporedattore di «Famiglia Cristiana», nel suo bel saggio L’altra Sindone. La vera storia del volto di Gesù edito da Mondadori, ricostruisce le vicende legate alla reliquia custodita nel santuario di Manoppello, in provincia di Pescara. Nel ricordare al pubblico dei lettori le complicate e misteriose vicende che portarono il telo a Manoppello, Gaeta ripercorre parallelamente anche le vicende legate alla Sindone di Torino. Infatti, per Gaeta, come la Sindone è testimonianza del calvario di Cristo, avendone impressa l’immagine del cadavere, così il telo di Manoppello sarebbe testimone del volto di Cristo vivo, risorto. Infatti, per Savero Gaeta, il telo di Manoppello, con ogni probabilità, sarebbe la reliquia chiamata “Veronica”. Per Gaeta, la Veronica sarebbe misteriosamente scomparsa dal Vaticano nel Seicento e altrettanto misteriosamente comparsa a Manoppello nel giro di pochi anni. In Vaticano, infatti, sarebbe stata trafugata, ma i papi avrebbero preferito non rivelarne mai il furto… almeno fino al 2000, quando il cardinale Jorge María Mejía, bibliotecario e archivista di Santa Romana Chiesa, presentando una mostra sul Volto di Cristo, ha scritto che San Pietro «è la basilica in cui un tempo era custodito il velo della Veronica».

A riprova che le due reliquie (quella conservata a Manoppello e quella conservata a Torino) sono state a contatto con lo stesso volto, Gaeta cita la perfetta sovrapponibilità delle due immagini. Di conseguenza, dal Santo Sepolcro uscì più d’una reliquia. Gaeta conta la Sindone di Torino (che alle origini era il Mandylion di Edessa); il sudario (ossia il telo di Manoppello) «e il drappo con il quale era stato avvolto il capo di Gesù durante la deposizione dalla croce» ossia il Sudario di Oviedo (in Spagna). E delle tre reliquie Gaeta ricostruisce le vicende che le vide coinvolte e che sono la causa delle attuali collocazioni. Per quanto riguarda la reliquia di Manoppello, Gaeta – come detto – la identifica con la Veronica e ne segue il tragitto proprio chiamando il telo di Manoppello Veronica. 

Ma in cosa consiste la particolarità del telo in questione? «Le caratteristiche più impressionanti del velo della Veronica sono […] la trasparenza del suo tessuto e il fatto che l’immagine si veda da ambedue i lati: aspetti straordinari che rendono la reliquia di Manoppello un unicum mondiale» e, aggiunge più oltre Gaeta, «In particolare, è emersa con sufficiente chiarezza l’attuale impossibilità di spiegare come si sia formata l’immagine e da dove derivino i colori che rendono estremamente affascinante e vivo il Volto Santo». Un altro punto di contatto – quello del misterioso formarsi dell’immagine – tra il telo conservato a Monoppello e la Sindone di Torino.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.