Passa ai contenuti principali

Gangs of New York

È disponibile di DVD Gangs of New York di Martin Scorsese con Leonardo DiCaprio, Daniel Day-Lewis e Cameron Diaz. 
Va detto subito che, complessivamente, è un buon film, anche se ci sono alcuni particolari che stonano, tra cui va sicuramente menzionata la quantità eccessiva di scene violente, sui cui la regia sembra indulgere a volte con compiacimento, tanto che, ad esempio, la sequenza della battaglia che dà inizio alla storia si svolge al ritmo di una musica rock. 
Tra le note positive vanno subito segnalate le prove degli attori, soprattutto di uno strepitoso Leonardo DiCaprio che, una volta di più, si conferma un ottimo interprete. 
Ingrassato e lontano dall’immagine levigata che troppe volte Hollywood vorrebbe appiccicargli addosso, in questo film impersona un giovane uomo a caccia di vendetta. Vendetta contro l’uomo che gli ha ucciso il padre. 
Va detto che, tale padre, non era certo uno stinco di santo, ma il sangue chiama alla vendetta e a violenza sembra proprio non si possa rispondere che con altra violenza. 
Non c’è perdono in Gangs of New York, ma solo duelli all’ultimo sangue, dove nessun colpo è proibito: tutto è lecito pur di far fuori il rivale. 
Lecito anche entrare nell’organizzazione della persona che si vuole uccidere per carpirne la fiducia, in modo da poter portare a termine il proprio piano di vendetta con il minor rischio possibile. 
Ma il piano fallisce a causa di un traditore che, mosso da gelosia per un amore non corrisposto, denuncia l’infiltrato al capo. 
Si diceva della bella prova attoriale offerta dagli interpreti. Accanto a Leonardo DiCaprio ci sono un assai bravo Daniel Day-Lewis nel ruolo del cattivissimo e una brava quanto bella Cameron Diaz nel ruolo della donna di cui non ci si può non innamorare. 
Peccato che nella filosofia di vita di Gangs of New York non ci sia posto per un tipo di Amore in grado di bloccare ogni violenza.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.