Passa ai contenuti principali

A chi toccherà stasera?

Antonio Syxty porta in scena al Teatro Litta di Milano Il calapranzi di Harold Pinter, uno dei testi classici del Novecento. 
La storia è quella inquietante dei killer professionisti Ben e Gus che si trovano chiusi in una stanza sotterranea in attesa di compiere il loro ennesimo omicidio. Come sempre nessuno dei due è a conoscenza del nome della vittima e come sempre aspettano di volta in volta comandi provenienti dal capo della misteriosa organizzazione di cui fanno parte. Ma dall’ultimo “lavoro” i due sono nervosi: l’ultima vittima era una ragazza e il suo corpo martoriato è ancora nella memoria di Gus. 
A chi toccherà stasera? Si chiedono con agitazione i due, agitazione accresciuta da ciò che succede nella stanza sopra di loro, dalla quale provengono strane ordinazioni culinarie per mezzo del calapranzi del titolo (che, nella versione di Syxty è un monitor televisivo). Alla situazione i due reagiscono in modo diverso e apparentemente opposto: Gus continua a porre domande continuamente alzandosi dal letto, e Ben dà le risposte, mentre, seduto sul letto, legge il giornale. Ma i letti della messinscena di Syxty non sono un luogo tranquillo: essi sono degli scivoli sui quali non è possibile trovare la pace del sonno e dai quali, metaforicamente, i due killer possono profondare in una zona ancora più sotterranea di quella nella quale già si trovano (fisicamente e moralmente, si intende). 
Nel ruolo di Gus c’è Paolo Casiraghi che dona al personaggio un faccino pulito da bravo ragazzo e un fisico atletico che tendono, paradossalmente, a ispirare tenerezza: il pubblico parteggia per lui e si immedesima nella sua inquietudine (che è quella di ognuno: a chi toccherà stasera?); mentre nel ruolo di Ben c’è Gerardo Maffei che dà al personaggio un fisico da adulto autoritario  con un po’ di pancetta (non per nulla, della coppia, è lui il capo, ovvero il maschio dominante, quello che può permettersi di ordinare all’altro di preparare il the). 
Entrambi gli attori rivelano di essere a proprio agio nell’interpretazione di questo testo di Pinter che certo è tutto fuorché facile da rendere sulla scena. 
Caldi e meritati applausi al calar del sipario sulla prima milanese.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.