Passa ai contenuti principali

Le donne cigno di Boldini

È in corso a Palazzo Zabarella di Padova (con prevista tappa alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna a Roma dalla fine di giugno alla fine di settembre 2005) la mostra che Francesca Dini, Fernando Mazzocca e Carlo Sisi hanno dedicato a Giovanni Boldini (Ferrara 1842 – Parigi 1931). Boldini è stato uno dei pittori italiani più noti del mondo, famoso ai suoi tempi per la capacità che aveva di saper rendere l’atmosfera, i volti e le situazioni della Belle Epoque. Un pittore, Boldini, che – lo si percepisce proprio visitando la mostra di Padova – mirava a “cogliere l’attimo” per fissarlo sulla tela e renderlo eterno. Gli istanti da cogliere potevano essere momenti di conversazione, passeggiate per la campagna, attimi di vita concitata nelle nascenti metropoli moderne o anche solo atti di tenerezza tra madre e figlio o tra giovani fidanzatini. Ecco allora che i suoi quadri trasmettono allo spettatore il senso del movimento trattenuto e, inevitabilmente, una blanda sensazione di voyeurismo: come se si stesse spiando dal buco della serratura un fatto di vita privata (seppur assolutamente non intimo). Molti sono i quadri degni di essere citati. Tra di essi spiccano quelli nei quali Boldini fa il ritratto alle dame dell’epoca: le dipinge nei loro abiti da sera in piedi o sedute, ma sempre ritraendole da angolazioni inusuali per la ritrattistica. Le dipinge anche seminude e sdraiate o mentre si asciugano dopo la toilette. Ad ogni modo, ciò che contraddistingue le donne di Boldini è il loro essere simili a cigni: maestose, bellissime, vaporose e sempre al centro dell’attenzione. Tra i dipinti presenti in mostra si segnalano: il Giovane paggio che gioca con un levriero (1869); La visita (1874); Sulla panchina al Bois (1872); Conversazione al caffè (1879); Ritratto della contessa Rasty coricata (1880); Il pastello bianco (1888); Donna in nero che guarda “Il pastello bianco” (1889); Ritratto di Madame Veil-Picard (1897) e il Ritratto di Consuelo Vanderbilt, duchessa di Marlborough, e suo figlio, Lord Ivor Spencer-Churchill (1906 – foto). Una mostra da non perdere.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.