Passa ai contenuti principali

Specchiarsi nel passato


Nel 1980 Giorgio Strehler (1921 – 1997) metteva in scena il Temporale di August Strindberg con Tino Carraro nel ruolo del protagonista. 
Enrico D’Amato, a 25 anni di distanza, ha ripreso la regia strehleriana e l’ha riproposta, sostanzialmente identica, al Piccolo Teatro di Milano con Franco Graziosi nel ruolo del protagonista. 
Accanto a Graziosi ci sono Giulia Lazzarini, Umberto Ceriani, Piero Mazzarella e Laura Pasetti
Le scene sono di Ezio Frigerio, i costumi di Franca Squarciapino e le musiche di Fiorenzo Carpi.

La recensione – per chi ama il teatro e conosce e ammira il lavoro quotidianamente svolto al Piccolo Teatro – potrebbe terminare qui: i nomi elencati sono garanzia di una realizzazione di altissimo livello.

Gli attori si sono dimostrati – una volta di più – dei grandi attori: Graziosi ha sfoderato – oltre alla bravura – una classe da vecchio signore di campagna (roba da altri tempi) e nella scena del riconoscimento della moglie mentre è al telefono mette addirittura i brividi.
La Lazzarini è stata una Gerda sulla via del tramonto, in preda al rimpianto, ma capace di mantenere il proprio orgoglio. 
Mazzarella è riuscito a far sorridere il pubblico pur dicendo delle verità dure e prive di speranza e Ceriani e la Pasetti sono stati delle ottime spalle.

Le scene di Frigerio (bellissime come bellissimi sono i costumi della Squarciapino e memorabili le musiche di Carpi) sono sicuramente uno dei segni forti della regia di Strehler-D’Amato: lineari ed evocative. In grado di unire il passato al presente e visualizzare contemporaneamente gli esterni e gli interni (costruendo uno spazio scenico su tre livelli). 
Il passato e il presente convivono per mezzo di uno stratagemma semplice ma di sicuro effetto: gli attori vengono costantemente riflessi dalla scenografia, come dire che le loro due immagini, quella presente (data dalla loro corporeità) e quella di loro nel ricordo (data dall'immagine riflessa nella scena), esistono contemporaneamente. 
Frigerio (e per suo mezzo il regista), insomma, visualizza le parole che Strindberg fa pronunciare al protagonista: ovvero il fatto che lui ama il ricordo della propria moglie e dalla loro bambina, piuttosto che il loro essere attuale.
Il protagonista, infatti, è un vecchio che dichiara costantemente di amare la pace che la vecchiaia gli dona e che vive di ricordi, avendo ormai da anni rinunciato alla vita presente. Egli, insomma, si specchia nel passato.
Ma a dispetto di tale dichiarazione di amore per la tranquillità, sul Signore incombe il temporale: un temporale reale e metaforico. E quando il temporale scoppia, al Piccolo quello vero si realizza con acqua vera e quello metaforico con l’esplosione di una recitazione caricata (da composta qual era) che non esita a far salire Graziosi su una sedia e, poi, sul tavolo da gioco. Passato il temporale, cadono le ultime gocce e la vita continua a trascorrere lenta. 
Spettacolo memorabile.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.