Passa ai contenuti principali

L’Alessandro Magno di Pietro Citati

Alessandro Magno aveva l’abitudine di tenere il collo lievemente inclinato verso sinistra, come chi indugia riflettendo intorno a se stesso o a qualcosa. 
Così inizia il racconto-biografia che Pietro Citati dedica ad Alessandro Magno e che Adelphi ha ripubblicato recentemente (il testo era apparso nel 1974). Si tratta di un saggio breve (una sessantina di pagine) davvero bello e che vale la pena non lasciarsi sfuggire, anche perché al dato biografico vero e proprio, Citati unisce una sapienza narrativa e una sensibilità sue proprie. 
Ecco, allora, che Citati può guardare ad Alessandro sia dal punto di vista di uno dei tanti biografi del grande condottiero, sia da quello del narratore della vita avventurosa di un ragazzo che 
Se si fosse accontentato di leggere libri, ora […] sarebbe soltanto uno di quei bellissimi giovani morti anzi tempo, ai quali Kavafis dedicò le sue lievi lapidi d’aria. 

E, forse, fu proprio per aver letto e sognato di loro che Alessandro ebbe il desiderio di emulare le gesta dei suoi modelli di riferimento: il dio Dioniso, il semidio Ercole, l’eroe Achille e il sovrano Ciro il Grande di Persia. Ecco, allora, che Citati spiega al lettore in cosa la vita di Alessandro fu simile a quella dei propri modelli, mettendo in rilievo come le contraddizioni che emergono nella biografia di colui che è stato definito il più grande condottiero di tutti i tempi siano da imputare al fatto che in un dato momento Alessandro stesse seguendo un modello, piuttosto che un altro. 
A volte – e non era raro – i modelli di riferimento potevano convergere in un’unica azione, come quando, giunti nei pressi di quella che era stata la città di Troia, Alessandro e il suo adorato compagno Efestione sacrificarono sulle tombe di Achille e Patroclo, prima di iniziare la campagna contro Dario III (e non è difficile unire in questa azione rituale ben tre modelli: Achille, appunto; Dioniso – il dio al quale Alessandro era più devoto e che arrivò con i propri fedeli fino in India – e Ciro re di quella Persia contro la quale Alessandro muoveva il suo esercito di macedoni).
Completa il volume di Adelphi l’interessante scelta di testi a cura di Francesco Sisti che presenta al lettore un Alessandro così come è stato raccontato dagli storici antichi (e si tenga presente che a noi sono giunti solo i libri di quegli storici che raccontarono i fatti per averli letti in altri libri, non certo per averli vissuti in prima persona come fecero i primi storiografi di Alessandro che facevano parte del suo seguito e i cui libri ci sono giunti sono per frammenti).

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.