Passa ai contenuti principali

Giulietta al centro del cerchio magico

Ci vuole coraggio a portare a teatro un “testo” visionario come è Giulietta degli spiriti di Federico Fellini. Ci vuole coraggio anche se non si è partiti, per la trascrizione scenica, dal film, ma dal libro (Giulietta, appunto) scritto anch’esso da Federico Fellini. Ci vuole coraggio non solo per la visionarietà delle immagini del grande maestro del cinema, ma per la grande, sublime interpretazione attoriale di Giuletta Masina
Tale coraggio l’hanno avuto il regista Valter Malosti e l’attrice Michela Cescon (Premio della Critica teatrale 2004 proprio per Giulietta) che propongono al pubblico dei teatri la versione che Vitaliano Trevisan ha tratto dal libro.
Nella versione firmata da Malosti al centro del palcoscenico c’è l’attrice ingabbiata (imprigionata) nel suo costume di scena: un’ampia gonna-tendone da circo ben arpionata alle tavole del palcoscenico dalla quale racconta in prima persona le visioni di Giulietta. Lo fa dal punto di vista di Giulietta-bambina: la Giulietta degli spiriti di Malosti-Cescon, seppur donna fatta, sposata e cornificata dal marito, ha mantenuto una freschezza e ingenuità che è tipica delle bambine. 
Forse proprio per questo ella è in grado di vedere gli spiriti che le si manifestano e le parlano, consigliandola sul da farsi. E forse, proprio perché Giulietta ha mantenuto il candore delle fanciulle, la rivelazione fattale da uno spirito del tradimento del marito ha il potere di “toglierle la terra da sotto i piedi” al punto dal condurla al suicidio. 
Nell’interpretare questa Giulietta-bambina, Michela Cescon dimostra di essere una brava attrice: sempre fissa nel punto centrale del suo tendone da circo (che è anche e soprattutto un cerchio magico delle apparizioni), l’attrice, per rendere il doloroso travaglio interiore del suo personaggio, punta tutto sulla voce, aiutandosi con movimenti delle mani e delle braccia e torsioni del busto. 
Bella anche la regia di Valter Malosti tutta tesa a esaltare le capacità interpretative della sua attrice, grazie anche a un sapiente gioco di luci e un altrettanto sapiente uso dei “rumori di fondo” (una sorta di colonna sonora cinematografica).

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.