Passa ai contenuti principali

Due fratelli per Testori

Omaggio a Testori, recital di poesie di Giovanni Testori. Voce recitante: Marcello Belotti. Musiche eseguite e composte da Giuliano Belotti.
Nel corso della sua vita, oltre che autore teatrale, romanziere e critico d'arte, Giovanni Testori fu anche poeta (l'opera è edita da Bompiani). Del suo canzoniere danno una pubblica esecuzione i fratelli Belotti: Marcello ne canta i versi, Giuliano li musica, per giungere a un recital dove la musica segue il ritmo della parola poetica e la voce il ritmo della musica.
È un seguire e inseguire l'accentazione della poesia testoriana con scoppi improvvisi di urla e cullanti concessioni alla dolcezza dei sussurrati.
I fratelli Belotti presentano al pubblico alcune delle poesie d'amore scritte da Testori; poesie indirizzate a un uomo, un ragazzo da lui più volte definito «bambino» («Conserva del bambino | la divina avvenenza, | dell'adulto la ferma, | dolorosa coscienza»). Un recital il loro che, forse, un po' a sorpresa, si stacca dal coro di quanti (più o meno consapevolmente) ultimamente portano avanti una sorta di processo di beatificazione di Testori (un po' come sta succedendo a Pier Vittorio Tondelli), nonostante che, nei suoi versi, Testori avesse avvertito: «Sono un maschio paterno. | Non c'è in me | niente di sacro | e di divino». Si allontana il loro recital da tale linea, in quanto di Testori cantano l'erotismo omofilo: «O figlio amato, | mai avuto che in te, | di cui accolgo nel bacio | lo spasimo dei sensi»; un amore che, sì, dà tormento a causa di una non piena accettazione da parte di Testori della propria omosessualità; un amore che, sì, rimanda più volte alla Passione di Cristo («Crocifisso a te | a te legato | muoio così | perché così t'ho amato»); ma che pur sempre è e resta un amore che coinvolge i sensi e li appaga («T'accarezzavo, ti baciavo, | tutto ti percorrevo, | ti mangiavo | come un cavallo stanco | ed affamato»).
Un recital, quello dei fratelli Belotti, che, mercoledì scorso, alla sua prima esecuzione a Vertova (BG) ha convinto il pubblico che ha chiesto e ottenuto un bis.

Commenti

  1. Estais los dos muy guapos,Hasta pronto mariquitas,besitos sin lengua vuestro colega Miguel.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.