Passa ai contenuti principali

Studiare da scrittore

Christopher Isherwood, Leoni e ombre, Fazi.
Autobiografia romanzata quella contenuta in Leoni e ombre di Christopher Isherwood; un’autobiografia che oltre a narrare fatti reali e contingenti accaduti a un poco più che ventenne ragazzo inglese, racconta anche le sue fantasie, quelle “coltivate” a fini artistici. Sì, perché tale ragazzo vuole diventare uno scrittore e, assieme ad altri suoi amici con le medesime ambizioni letterarie, studia da scrittore scrivendo e riscrivendo racconti, romanzi e poesie e sviluppando la fantasia con il trasfigurare la noiosa realtà in una dimensione fantastica e romantica, oltre che piena di fatti misteriosi.
Va specificato che Isherwood romanza la propria autobiografia giovanile non nel senso che ne inventa i fatti reali (e neppure che cambia le fantasie letterarie), ma nel senso che le rende semplicemente più appetibili per il lettore, “drammatizzando” i personaggi e i loro dialoghi. Quindi il lettore si trova di fronte a un libro i cui contenuti possono dirsi in massima parte veritieri; mentre la forma con la quale essi sono riferiti tende a renderli più vivaci, più vicini alla rappresentazione scenica. 
Si è detto che il giovane Isherwood frequenta ragazzi che come lui sognano di diventare degli scrittori. Il sogno diventa realtà per tutti loro: seppur chiamati con nomi di fantasia, infatti, tra gli intimi amici di quegli anni (e del resto della vita) figurano i nomi di coloro che saranno riconosciuti come tra i più grandi scrittori inglesi del Novecento, ovvero Edward Upward, Wystan Hugh Auden e Stephen Spender. 
Gustosi e inediti i ritratti che Isherwood traccia dei suoi amici: di Auden, ad esempio, scrive: 
A molti di noi, me compreso, confidò le prime piccanti, stupende, sbalorditive scoperte in materia di sesso. Lo ricordo soprattutto per la sua volgarità, per l’insolenza, per l’aria compiaciuta e stuzzicante di chi conosce segreti eccitanti e indecenti;
mentre del primo incontro con Spender ricorda: 
Ci piombò addosso arrossendo, ridacchiando forte e riuscì a inciampare nel bordo del tappeto: un ragazzone di diciannove anni immensamente alto, con una faccia rosso papavero, capelli irsuti e ingovernabili e occhi del colore vivace delle campanule.
Purtroppo, va detto con onestà che non tutte le parti del libro risultano avvincenti o scorrono con la stessa velocità: a volte le descrizioni delle trame di romanzi immaginati risultano un po’ noiose.
Forse ciò è dovuto al fatto che Isherwood è romanziere davvero grande quando si trova a dover descrivere la realtà che lo circonda e soprattutto le persone che frequenta. Non per nulla, nelle prime righe di Addio a Berlino (forse il suo capolavoro) si definisce come segue: 
Io sono una macchina fotografica con l’obiettivo aperto; non penso, accumulo passivamente impressioni.
___________________
Leoni e ombre è disponibile su Amazon

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.