Passa ai contenuti principali

La non accettazione che distrugge


Michelangelo Capua, nel ricostruire la  biografia dell'attore Montgomery Clift ha puntato decisamente sulla sfera privata, lasciando in secondo piano la carriera artistica. I riferimenti agli spettacoli e ai film interpretati da Clift, infatti, sono del tutto strumentali alla ricostruzione del vissuto e delle ragioni segrete che spingevano l'uomo Clift a comportarsi in un determinato modo. 
Dell'arte dell'attore e della di lui tecnica ben poco si dice: si rimanda genericamente al "Metodo" di ascendenza stanislavskijana che in quegli anni l'Actors' Studio andava diffondendo tra i giovani attori americani. 
In realtà, però, dopo qualche mese passato con Lee Strasberg, Clift abbandonò la "scuola", in quanto riteneva che il suo fondatore fosse un "ciarlatano". Quando era sul set, Clift si fidava e si affidava a Mira Rostova, un'attrice che gli faceva da insegnante di recitazione. Dunque, i riferimenti al "Metodo" sembrano perlomeno insufficienti a dare un quadro preciso dell'arte di Clift; di come lui affrontasse una parte.
Ma, si è detto, a Capua, più che l'attore, interessa l'uomo. Un uomo tormentato, dipendente dai farmaci e dall'alcol (che spesso assumeva contemporaneamente), estremamente insicuro e dall'umore mutevole. Un "vinto" che, però, riusciva - a chi non lo conosceva - a dare l'idea di essere un "vincitore".
La causa principale della fragilità psichica ed emotiva di Clift, secondo Capua, sarebbe stata la non accettazione della propria omosessualità, peraltro vissuta a livello sessuale con disinvoltura, stando agli innumerevoli amanti occasionali che il  bellissimo Clift ebbe. Neppure quando l'attore ebbe relazioni durature ci fu per lui un miglioramento: l'omosessualità non accettata lo rodeva dentro distruggendolo. 
Le cose peggiorarono dopo l'incidente d'auto che lo sfigurò: il fatto di non essere più riconosciuto dai fan fu un altro duro colpo per il suo ego già minato. Clift tentò tutto pur di tornare a essere il divo che era, ma la sorte non gli fu amica: morì d'infarto prima di riuscire a girare Riflessi in un occhio d'oro che affrontava il tema dell'omosessualità in modo più esplicito di quanto avesse fatto Improvvisamente l'estate scorsa (interpretato da Clift con qualche disagio). Alla morte dell'attore la parte fu affidata a Marlon Brando.

Commenti

Post più letti

Adriano Celentano raccontato da Sergio Cotti

Intervista video a Sergio Cotti autore del libro Adriano e Celentano. Un po' artista, un po' uomo edito da Arcana. Nell'intervista Cotti spiega il perché del titolo del libro e racconta quali sono, a suo avviso, le differenza tra l'uomo Adriano e il personaggio Celentano. Inoltre anticipa che alcune interviste a personaggi famosi realizzate per il volume sono state caricate interamente su YouTube e racconta della sua conoscenza personale con Celentano. Infine traccia un bilancio dei 60 anni di carriera dell'artista che ricorrono quest'anno.
Il libro di Cotti su Celentano è disponibile su Amazon

Alessandro Magno

Chi era Alessandro Magno? A tale domanda tenta di dare una risposta Hans-Joachim Gehrke nel suo libro dedicato al grande condottiero e pubblicato in Italia da Il Mulino.  Gehrke spiega ai lettori il contesto storico-politico nel quale Alessandro nacque (nel 356 a. C.) e crebbe: una Macedonia che si avviava a diventare parte della “nazione” greca grazie alle misure adottate dal padre di Alessandro, Filippo il macedone. Costui era – come allora si usava in Macedonia – poligamo e la madre di Alessandro, Olimpiade, era la sua quarta moglie.  Alessandro, su volere di suo padre, fu istruito alla greca: insieme ai fanciulli della sua età appartenenti alle famiglie illustri della Macedonia fu educato dal filosofo Aristotele, figlio del medico personale di Filippo. Tra coloro che ricevettero gli insegnamenti del grande filosofo greco vi era anche Efestione, colui che sarebbe diventato la persona più importante nella vita di Alessandro.

Il corpo nudo dello scrittore

Sono tanti gli scrittori che, anche in passato, si sono fatti fotografare completamente nudi. Ciò potrebbe sorprendere, specie se si pensa che molti degli scrittori di cui si parla erano assai famosi quando decisero di mettersi in posa senza veli. Ovvero, le loro fotografie nature non erano mosse pubblicitarie atte a renderli celebri (magari con uno scandaletto montato ad arte), ma erano scatti a persone celebri che accettavano (o chiedevano) di essere immortalate nude.